Allerta Meteo: ecco il ciclone che dall’Africa sta arrivando al Sud, le immagini in diretta [VIDEO]

/

Allerta Meteo massima per le prossime 48 ore al Sud Italia: un violento ciclone sta arrivando dal nord Africa e provocherà piogge alluvionali, violenti temporali, trombe d’aria e grandinate in molte Regioni. Sicilia e Calabria le più colpite, ma è allarme anche in Lazio, Campania, Puglia e Basilicata

tempesta di sabbia sulla CinaAllarme rosso al centro/sud Italia a causa del violento ciclone in arrivo dal nord Africa: una tempesta che si preannuncia molto violenta e che colpirà tutto il territorio del Sud tra oggi pomeriggio e sabato 8 novembre. Abbiamo già pubblicato il preoccupante bollettino ESTOFEX che preannuncia la possibile formazione di altri tornado, dopo i due eventi estremi che ieri hanno colpito Acireale e Catania, e grossa grandine durante i temporali più intensi.

caldo al sudIntanto è davvero particolare l’atmosfera che si vive in queste ore al Sud. Mentre a Cagliari piove con +15°C, addirittura nel nord Africa ad Algeri il cielo è poco nuvoloso con appena +16°C, a Roma piove con +17°C, nell’Italia meridionale è interessata dal flusso caldo, mite e pre-frontale, in risalita dalla Libia. Le temperature sono molto elevate, soffia un forte vento di scirocco e l’atmosfera è resa tetra dalle ingenti quantità di sabbia del Sahara presenti nell’atmosfera. In molte località la visibilità è ridotta a poche centinaia di metri con una sorta di “nebbia gialla” suggestiva e tenebrosa. A Reggio Calabria e Salerno la colonnina di mercurio ha raggiunto i +26°C, a Napoli, Palermo e Messina i +25°C, a Catania e Foggia i +23°C, a Bari, Brindisi, Trapani e Lecce i +22°C. Lo scirocco supera gli 80km/h a Bari e Reggio Calabria, dove al momento sta soffiando più forte.

Ciclone in arrivoIL CICLONE AFRICANO IN ARRIVO – Proprio in questi minuti si sta formando nell’entroterra algerino il ciclone Africano che tra oggi pomeriggio e sabato colpirà duramente il Sud Italia, provocando 48 ore di maltempo estremo. La tempesta nasce per una ciclogenesi nel Sahara a causa dei contrasti termici tra l’aria fredda, secca e instabile in arrivo dal nord Atlantico che s’è caricata di umidità nel Mediterraneo e s’è proiettata fin nel deserto nord Africano. Dopo la ciclogenesi, il ciclone si muoverà rapidamente verso nord/est attraversando la Tunisia e raggiungendo già stasera il Canale di Sicilia. Una volta nelle acque del Mediterraneo, si rinforzerà a dismisura e domani, venerdì 7 novembre, potrebbe assumere intorno alla Sicilia tutte le caratteristiche di una tempesta tropicale, un TLC a cuore caldo, diventando così uno dei rarissimi “Medicanes“, gli uragani Mediterranei. Attenzione, quindi, alle immagini satellitari: tra domani e sabato intorno alla Sicilia e nel mar Jonio le nubi potrebbero assumere le sembianze di un vero e proprio vortice che ruota intorno all’occhio del ciclone.

allerta meteo ciclone sudLa tempesta provocherà venti impetuosi, violenti temporali e piogge torrenziali. Eloquenti le mappe che proponiamo a corredo dell’articolo per evidenziare le zone più colpite. Attese piogge alluvionali soprattutto nelle zone joniche di Calabria e Sicilia tra oggi pomeriggio e domani mattina, ma poi anche nelle zone tirreniche della Sicilia durante la giornata di domani, quando violenti temporali potranno colpire Palermo. Sui rilievi calabresi e siciliani cadranno oltre 300350mm di pioggia con gravi ripercussioni sul territorio in modo particolare nelle zone joniche già duramente flagellate dai nubifragi di ieri. Tra domani e sabato piogge torrenziali anche nel Salento con picchi di oltre 120mm di pioggia tra Taranto, Brindisi e Lecce.

grandeAttenzione nella Calabria jonica, dove Catanzaro e Crotone potranno superare i 100mm di pioggia. Più a Sud, tra Reggio Calabria, Messina, Catania e Siracusa attesi picchi di 80mm. Palermo e Trapani sono una grande incognita, perchè se il ciclone si posizionerà in modo favorevole all’arrivo dei temporali, potranno avere piogge alluvionali con picchi di oltre 150mm, altrimenti rischiano addirittura di rimanere a secco. In condizioni di questo tipo, è molto difficile prevedere in modo preciso quali saranno le zone più o meno colpite dal maltempo. Anche tra Lazio e Campania si verificheranno forti temporali, soprattutto tra le province di Frosinone e Caserta tra oggi pomeriggio, stasera e domani mattina. Forti piogge anche al nord/est, in Friuli Venezia Giulia, mentre migliorano le condizioni meteo al nord/ovest. I fenomeni più estremi saranno al Sud, dove si potranno ripetere altri tornado come quelli distruttivi di ieri in Sicilia (qui i video terrificanti). Massima allerta, quindi. Per monitorare la situazione in diretta seguite le nostre news in tempo reale e le pagine del nowcasting: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam. Sulla nostra pagina facebook trovate ulteriori aggiornamenti e potete interagire con la Redazione inviando foto, segnalazioni o qualsiasi tipo di riflessione. Scriveteci e inviateci le foto anche all’indirizzo di posta elettronica, redazione@meteoweb.it