Astronomia: la Grande Macchia Rossa di Giove, nuova luce sulla sua origine

MeteoWeb

grande macchia rossa gioveIl colore caratteristico della Grande Macchia Rossa di Giove sarebbe dovuto alla scissione di sostanze chimiche semplici presenti nell’atmosfera superiore del pianeta, secondo i nuovi dati della missione Cassini della NASA. Ciò contraddice l’altra più importante teoria a riguardo, secondo cui le sostanze chimiche rossastre vengono invece prodotte sotto le nubi di Giove per poi risalire verso gli strati più esterni.

In laboratorio, i ricercatori del JPL NASA hanno bombardato con luce ultravioletta una miscela gassosa di ammoniaca e acetilene, composti chimici notoriamente presenti su Giove, per simulare gli effetti che la radiazione solare può avere su questi elementi nella sommità delle nuvole nella Grande Macchia Rossa. L’esperimento ha prodotto una sostanza rossastra, che è stata confrontata con le osservazioni della Grande Macchia Rossa effettuate dallo spettrometro di Cassini, ed ricercatori hanno quindi scoperto che quanto avevano riprodotto era molto simile a quanto si osserva nella Grande Macchia Rossa.

I nostri modelli suggeriscono che la maggior parte della Grande Macchia Rossa abbia in realtà un colore piuttosto blando al di là dello strato superiore di nubi di materiale rossastro,” ha dichiarato uno dei ricercatori. “Sotto questa scottatura rossiccia, le nubi sono probabilmente biancastre o grigiastre.”