Emergenza maltempo: 2 dispersi, il punto della situazione

MeteoWeb

alluvione disastroNuova emergenza maltempo in Liguria. La zona piu’ colpita e’ quella di Chiavari e dell’entroterra: da ieri sera a Leivi non si hanno piu’ notizie di una coppia di coniugi, Carlo Arminise, 73 anni, e Franca Iaccino, 69 anni, residenti in una casa travolta da una frana. Nelle ricerche dei due dispersi sono impegnati i vigili del fuoco che stamane hanno tratto in salvo con l’aiuto di un elicottero due donne, una delle quali all’ottavo mese di gravidanza. Il governatore della Regione, Claudio Burlando, ha annunciato l’arrivo dei primi 40 militari dell’Esercito: “Stiamo raccogliendo tutte le richieste del territorio – ha spiegato – la necessita’ piu’ urgente che ci viene segnalata e’ di idrovore per liberare dall’acqua i locali allagati. I danni sono ingentissimi, anche in Val Fontanabuona. Stanno arrivando pure le colonne mobili della Protezione civile dal Trentino e dal Friuli mentre i nostri volontari sono gia’ sul posto”. Stabili evacuati, strade interrotte, treni cancellati: “In 12 ore – ha sottolineato il capo della protezione civile, Franco Gabrielli – alcune localita’ sono state interessate da oltre 200 millimetri di pioggia caduti su un territorio fragilissimo”. L’allerta 2, quella di grado piu’ elevato, e’ stata prorogata fino alle 15 di domani. In Lombardia le fortissime precipitazioni di ieri e oggi hanno provocato frane, esondazioni e allagamenti, soprattutto nel Bergamasco e nel Bresciano: in provincia di Milano, a Pero, e’ esondato l’Olona, a Lainate il Lura. Nel Parmense la protezione civile ha attivato la fase di allarme piena per il fiume Taro mentre in Versilia la nottata di pioggia intensa per fortuna non ha provocato danni. Voli in partenza in ritardo, sempre per il maltempo, all’aeroporto di Cagliari: le procedure di rifornimento sono state sospese per un paio d’ore. “Abbiamo un piano concreto”, investiremo “7 miliardi in sette anni per la sicurezza dei cittadini e del territorio”, ha assicurato il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, intervenuto agli Stati generali contro il dissesto idrogeologico: “Dobbiamo dire con forza che non ci saranno mai piu’ condoni edilizi, perche’ sono dei tentati omicidi alla tutela del nostro territorio”.