Gelo e neve nei campi dei profughi siriani in Libano: morte due neonate

MeteoWeb

libano4Due neonate siriane sono morte assiderati nel fine settimana nella periferia della città libanese di Arsal, sul confine con la Siria, dove si trova una tendopoli che ospita migliaia di profughi. E’ quanto riporta il sito del ‘Daily Star’ libanese, che cita fonti mediche. Una delle vittime è una bambina di tre anni, morta ieri di polmonite in un ospedale da campo ad Arsal, dopo essere rimasta per due giorni nell’incubatrice. La regione ha conosciuto nei giorni scorsi violente tempeste di pioggia e di neve. “La bambina – ha detto Kassem al-Zein, medico dell’ospedale da campo di Arsal – era nata in una tenda nelle vicinanze di Arsal, senza le cure mediche necessarie ed esposta al grande freddo di questi giorni, ammalandosi subito di polmonite e di infiammazione nella zona dell’ombelico”. L’ospedale da campo è sprovvisto dell’attrezzatura per trattare casi del genere, ma non c’è stato il tempo di trasferire la bambina in un’altra struttura. Il giorno precedente, un’altra neonata siriana è arrivata all’ospedale al-Rahma di Arsal quando ormai era troppo tardi. Anche in questo caso, come ha spiegato il medico Bassem al-Fares, la causa delle morte è il freddo. La bimba è morta appena 48 ore dopo la nascita. I medici temono che, con l’arrivo dell’inverno, possano moltiplicarsi i casi di polmonite e di altre complicazioni potenzialmente letali tra i profughi.