Macchie sui vestiti: ecco come rimuoverle in modo semplice ed efficace

MACCHIE COPLe macchie sui vestiti sono davvero un tasto dolente nell’ambito delle faccende domestiche. Prima di vedere i rimedi più semplici ed efficaci per rimuoverle senza grossi sforzi, va precisato che una macchia appena fatta è più semplice da eliminare in quanto non è ancora penetrata nella fibra, e che ogni tessuto reagisce diversamente anche ai solventi naturali, per cui è meglio, prima di rovinarlo definitivamente,”testare” lo smacchiatore prescelto su una zona nascosta (es, cucitura interna, interno della tasca, sotto il colletto).

MACCHIE 1Per rimuovere le macchie di olio o di grasso, eliminatele il più possibile con un foglio di carta assorbente, per poi ricoprire generosamente di borotalco la parte in questione. In alternativa, utilizzate la farina di mais o il sale. Per evitare di spargere la polvere ovunque, tamponate il borotalco, sino alla completa rimozione della macchia, aiutandovi con un panno leggermente imbevuto d’acqua. Tra gli altri rimedi contro olio e grasso: il detergente per stoviglie che dovete cospargere con le dita sulla macchia. Non appena inizia a comparire della schiuma, con uno spazzolino vecchio da denti, effettuate movimenti circolari sulla zona interessata. Lavate infine il capo da solo con detersivo per indumenti, lasciandolo asciugare all’aria.

MACCHIE 3 CAFFE'Per le macchie di caffè, è opportuno fare una distinzione: se la macchia è fresca, provate a scaricarla con acqua minerale; se è vecchia e di cotone, rimuovetela con la glicerina, intervenendo poi con alcol ed ammoniaca, eseguendo infine un normalissimo lavaggio per bucato; se la macchia è sul velluto, ancora acqua minerale, prendendo poi un panno bagnato che va appoggiato al rovescio sul tessuto e stirato; se la macchia è su pelle o cuoio, utilizzate l’acqua minerale, asciugando con un panno pulito e lucidate con un prodotto privo di colorazione; se la macchia è sulla pelliccia sempre l’acqua minerale, asciugando con un panno in lino; se la macchia è sulla lana, se la chiazza è fresca si applica l’acqua minerale, se è vecchia, la glicerina e in seguito una soluzione di acqua tiepida con all’interno qualche goccia di ammoniaca. Per quanto riguarda le macchie di sangue: se la macchia è fresca, occorre sciacquare la camicia, il jeans o il lenzuolo interessato con abbondante acqua fresca; avvalendosi, per lo sporco più resistente, del sapone di marsiglia in crema che va lasciato agire. In caso di macchie secche, va versata dell’acqua ossigenata direttamente sull’alone fino a che non si formano delle bollicine bianche. Solo allora va tamponato con un panno assorbente.

MACCHIE VINOL’acqua gassata è ottima per le macchie di sangue sui tessuti più delicati o meno resistenti a livello di colore (es. seta e alcuni sintetici). In alternativa, una miscela di acqua e sale con l’aggiunta di succo di limone; acqua e bicarbonato, qualche goccia di detersivo per piatti. Per le macchie di vino, invece, se il tessuto colpito è di lana, ricoprite la zona da trattare con sale, tamponando con una soluzione composta da una parte di acqua ossigenata e da 6 parti di acqua; mentre per tutti gli altri tessuti provate con latte caldo o succo di limone caldo o acqua di cottura dei fagioli. Per le macchie di sudore: immergete il capo macchiato in una bacinella con acqua fredda mista ad aceto per mezza giornata, stendendo al sole per un’ora senza risciacquare. Se il sudore ha colpito la camicia, mettetela a mollo in acqua fredda e soldato di sodio, per poi passarla in acqua calda e ammoniaca per 30 minuti per poi lavare e stendere al sole.

MACCHIE 2Se gli aloni persistono, succo di limone, lasciato agire per 30 minuti prima di risciacquare con acqua calda e asciugare al sole. Se il sudore interessa un capo di lana: applicate con una spugna sull’alone 2 tazze di acqua calda e 2 cucchiai di borace; mentre se si tratta di fibra sintetica, occorrono 2-3 tazze di acqua fredda e 4 cucchiai di bicarbonato. Per le macchie di terra e fango, infine, è necessario prima farle seccare. Se si ha poco tempo a disposizione, va benissimo anche l’impiego del phon fino alla loro solidifcazione. Bagnate poi una spazzola e lavate bene l’indumento per rimuovere eventuali tracce; passandolo con 1 cucchiaio di aceto per circa 200 ml di acqua e risciacquate con acqua calda.