Maltempo: “Allarme rosso per gran parte d’Italia, allarme viola per Roma”

MeteoWeb

saetta“Le previsioni sono allarme rosso in diverse parti d’Italia e addirittura viola in alcune parti d’Italia, come Roma”. Mauro Grassi, direttore della struttura di missioni contro il dissesto idrogeologico di Palazzo Chigi, a “Voci del mattino”, Radio 1 sull’allarme meteo. ‘ ‘E’ una situazione anomala: l’Italia morfologicamente è un Paese delicato, complesso ma alcuni elementi complicano ulteriormente il lavoro. Innanzitutto, come il Paese è stato costruito dal 900 ad oggi; poi, la mancata realizzazione di alcuni interventi strutturali, ed è questo il compito cui siamo chiamati come missione. Quello che è successo a Carrara – ha continuato Grassi- è ancora più anomalo, perché l’area di Carrara ha avuto diverse esondazioni, ma dopo le alluvioni del 2003 e del 2012 sono stati fatti interventi importanti, non è un’area abbandonata, sono stati fatti lavori per un costo di 32 milioni dopo l’alluvione del 2012. Dove ha ceduto l’argine era stato fatto un lavoro nuovo, collaudato e questo fa ancora più rabbia. Ora ci saranno le indagini per capire cosa è successo, noi abbiamo convocato per domani Regione, il Comune, la Provincia, anche le Ferrovie dello Stato perché sono coinvolte le Autorità di bacino e faremo il punto sugli interventi strutturali ancora da fare”. ”A Roma é allarme viola -ha detto ancora Grassi- quindi situazione molto difficile. Noi stiamo lavorando per un piano per le aree metropolitane; siamo andati nel Seveso, a Torino, a Genova, a Firenze, a Sarno. Roma è un’altra area dove devono essere fatti lavori strutturali; è allarme viola, cadrà una quantità notevole di acqua, ma dobbiamo intervenire perché noi ci occupiamo non tanto dell’emergenza quanto della prevenzione, perché fatti del genere non si ripetano”. ”L’11 novembre presenteremo gli Stati generali del dissesto idrogeologico, e gli studiosi ci spiegheranno come i cambiamenti climatici incidano fortemente sul dissesto idrogeologico, e quindi dobbiamo attrezzarci con un piano. Dobbiamo rimettere in ordine il Paese, non possiamo più aspettare -continuta Grassi-. Stiamo preparando un grande piano: lunedì incontreremo tutte le regioni d’Italia e prepareremo un piano nazionale di 6 anni nel quale speriamo di far confluire un miliardo l’anno di investimenti: un piano di 6 anni per mettere non dico in sicurezza piena, perché questo non sarà mai possibile, ma ad un livello di sicurezza molto alto le città e i luoghi di questo Paese.”