Maltempo, Liguria devastata: danni per un miliardo di euro

MeteoWeb

genova04Una regione “devastata”, che ha subito “danni enormi”, “un miliardo di euro tra l’alluvione precedente e quella attuale”. La stima, fatta all’Adnkronos, è del governatore della Liguria, Claudio Burlando, che però sottolinea: “Purtroppo di questo miliardo sarà possibile recuperare soltanto una quota minima. La Regione può fare poco, può passare da 50 a 60, 65 milioni, il sistema degli enti locali arriverà a un centinaio di milioni, poi però interviene il patto di stabilità”. Secondo Burlando, è il momento di ”uscire dalla fase degli slogan”. “Il problema è complesso – sottolinea -, dobbiamo accettare la complessità e affrontare le questioni concrete. I fattori del dissesto idrogeologico sono diversi. Si chiamano in causa i condoni – dice Burlando – ma i condoni li fanno a Roma, mi pare ne abbiano fatti tre negli ultimi anni, ed è difficile essere severi in periferia quando si fanno i condoni al centro”. “Poi c’è il fatto – aggiunge il governatore – che l’assetto urbanistico della nostra regione è quello che è, non possiamo rifare da capo città e paesi. Si parla dell’abbandono dell’entroterra, e anche questo è un fattore del sistema ma, a parte il fatto che ieri sono state alluvionate anche le campagne in zone coltivate e curate, non si può risolvere il problema della ripopolazione dell’Appennino con un colpo di bacchetta magica. In Cina magari deporterebbero una parte della popolazione nell’entroterra, qui questi sistemi non si usano. Bisogna essere meno semplificatori e affrontare i problemi in modo realistico se vogliamo davvero ottenere dei risultati”. Per quanto riguarda una prima stima dei danni, secondo Burlando ”la Liguria ha subito danni enormi, sommandoli a quelli dell’alluvione precedente, e contando le perdite dei privati, si arriva al miliardo di euro: Albenga, per esempio, ha perso l’intera produzione agricola”. Purtroppo di questo miliardo sarà possibile recuperare soltanto una quota minima. E potrebbe non essere ancora finita”.