Maltempo Roma, Protezione Civile: finora 450 interventi

roma pioggiaDall’inizio dell’emergenza ad ora, la sala operativa della Protezione civile di Roma Capitale ha ricevuto piu’ di 3.000 chiamate e ha gestito piu’ di 450 interventi. Di questi circa 350 per allagamenti diffusi in varie parti della citta’, con particolare riferimento al quadrante est. Ancora aperti gli interventi a via Fillia, via Rinamonti e via del Maggiolino, nel V municipio, per l’esondazione del fosso Tre Teste. Nella notte di oggi sono caduti dai 30 ai 60 millimetri di pioggia. Sono stati, inoltre, effettuati circa 90 interventi per la messa in sicurezza o la rimozione di alberature comunali. A causa dell’eccessiva pioggia si e’ spezzato il leccio dell’Alberone su via Appia. Sono prontamente intervenute le squadre del Servizio giardini e della Polizia locale che hanno rimosso i rami e il tronco, onde evitare ulteriori rischi. Roma Capitale si e’ impegnata per la piantumazione di un nuovo leccio che da’ il nome all’intero quartiere dell’Alberone. Nella mattinata il fosso dell’Almone ha creato allagamenti sull’Appia Antica all’altezza del civico 42. La strada, prima chiusa per un chilometro, e’ stata riaperta e non ci sono segnalazioni relativamente a danni della sede stradale. Coinvolti, invece, alcuni terreni, un vivaio e qualche abitazione. La mobilita’ cittadina, dopo una fase di criticita’ nelle prime ore della mattinata, al momento risulta nella norma con la riapertura della stazione metro A Repubblica e del sottopasso davanti alla stazione Tiburtina. Nella sala di Porta Metronia agiscono i rappresentanti di tutti i settori coinvolti dall’allerta meteo, sia di Roma Capitale che delle aziende dei pubblici servizi. Operative le squadre del dipartimento Tutela ambientale-Protezione civile, del dipartimento Simu e tutte le associazioni di volontariato, cosi’ come i presidi territoriali nelle zone maggiormente esposte al rischio allagamenti (Piana del Sole, Prima Porta, Ostia-Infernetto/Bagnolo, Settebagni, via Tiburtina-via Scorticabove, Corcolle e via Scartazzini), con il compito di tenere la situazione sotto controllo e intervenire in caso di emergenza. In campo un totale di 800 persone e piu’ di 50 associazioni di volontariato, 25 squadre composte dalla Direzione Protezione civile e dal Servizio giardini, 70 idrovore attive.