Mostro o tronchi d’albero? Nuovi avvistamenti a Loch Ness

MeteoWeb

loch nessLa leggenda del mostro di Loch Ness torna ad aleggiare sul lago scozzese dove nelle ultime settimane si sono moltiplicate le segnalazioni di avvistamenti di strane creature. Secondo il Woodland Trust, una fondazione che si occupa della salvaguardia delle foreste, potrebbe trattarsi soltanto di “tronchi galleggianti” che vengono scambiati per esseri animati. “Nelle ultime settimane, a causa delle piogge autunnali, c’e’ stato un incremento di tronchi provenienti dalla foresta di Urquhart Bay e trasportati dai fiumi”, ha spiegato l’associazione che ha voluto rilanciare l’attenzione per una delle zone piu’ importanti, dal punto di vista naturalistico, del Regno Unito e d’Europa. I nuovi avvistamenti hanno comunque riacceso la curiosita’ per il mito della creatura del lago scozzese, una delle leggende di piu’ antica tradizione al mondo. Gia’ dal sesto secolo dopo Cristo, infatti, il lungo e stretto lago nel nord del Regno Unito viene ritenuto essere la casa del mostro, un essere la cui esistenza e’ mai stata provata e che di sicuro ha avuto il pregio di stimolare il turismo in una zona di per se’ gia’ molto bella ma comunque difficilmente raggiungibile. Gli avvistamenti di “Nessie” non si sono mai cessati. Negli ultimi anni erano stati associati dagli scienziati piu’ razionalisti a grandi pesci, giochi ottici causati dalla nebbia, castori giganti e persino elefanti. Uno degli ultimi avvistamenti fu infatti imputato ad alcuni pachidermi di un circo locale che sarebbero stati addestrati nelle fredde acque del lago scozzese.