Previsioni Meteo, maltempo senza tregua: nuovo peggioramento in arrivo [MAPPE]

/
MeteoWeb

meteo allerta nuove previsioniMaltempo senza tregua sull’Italia: non ci sarà neanche il tempo di stimare i danni, gravissimi, provocati dai fenomeni estremi che in questa settimana hanno colpito l’Italia prima dell’arrivo della nuova perturbazione che già da domani, domenica 9 novembre, arriverà nel nostro Paese. Si è ormai spalancata la porta dell’oceano Atlantico che “pompa” continue ondate di maltempo verso il Mediterraneo. La Depressione d’Islanda è in grande spolvero, a livello sinottico, e spinge masse d’aria instabili e cariche di pioggia su tutti i settori occidentali del continente, tra cui anche il Mediterraneo.

Rtavn19218Nei prossimi giorni saranno almeno altre due le perturbazioni provenienti dall’oceano che raggiungeranno l’Italia: la prima, come dicevamo, arriverà domani – domenica 9 – e colpirà prima la Sardegna e la Liguria, a partire dal pomeriggio, e poi tutto il centro/nord lunedì 10, con violenti temporali in Liguria e Toscana e piogge abbondanti anche in Piemonte, Lombardia e al nord/est. Martedì 11 il maltempo insisterà al nord ma, soprattutto dal pomeriggio/sera, inizierà ad estendersi al centro/sud con forti temporali tra Sardegna e Sicilia, da dove si estenderanno a tutte le Regioni meridionali. Mercoledì 12 e giovedì 13 piogge sparse in gran parte d’Italia, intense al nord/ovest e lungo le Regioni tirreniche. Venerdì 14 ultime piogge nel basso Tirreno tra Calabria e Sicilia, migliora al centro/nord ma solo per poche ore, perché nel weekend di sabato 15 e domenica 16 arriverà un’altra perturbazione sempre dall’oceano a riportare le piogge sul nostro Paese. Piogge che ancora una volta saranno abbondanti sull’Italia nei prossimi giorni, con possibili fenomeni violenti che potranno avere conseguenze non di poco conto dal punto di vista idrogeologico con frane, smottamenti, allagamenti e inondazioni per la piena di numerosi corsi d’acqua.

lisbona alluvione lampoDopo ottobre, anche novembre si caratterizza per questi fenomeni così estremi, in un contesto di clima dal caldo anomalo: le temperature, infatti, anche nei prossimi giorni rimarranno ben superiori rispetto alle medie del periodo, soprattutto al centro/sud dove da lunedì tornerà a soffiare lo scirocco e il cielo si riempirà nuovamente di sabbia giallastra proveniente dal Sahara. Su questo gli esperti del CNR sono stati chiari: novembre sarà ancora un mese caldo, con dicembre dovrebbe tornare la normalità con temperature in linea rispetto alle medie del periodo mentre a gennaio potrebbe fare molto freddo, al punto che la colonnina dovrebbe mantenersi al di sotto rispetto alle medie stagionali, e che ciò avvenga nel mese già di per sè più freddo dell’anno significa che sarà un mese freddissimo per l’Italia.

Ma c’è tempo per le proiezioni stagionali e l’inverno che verrà. Preferiamo nei prossimi aggiornamenti su MeteoWeb concentrarci sul peggioramento in arrivo con ulteriori dettagli, approfondimenti e indicazioni delle zone più colpite dal maltempo dei prossimi giorni.