Previsioni: cosa possono insegnarci la fisica, la meteorologia e le scienze naturali sull’economia

maltempo saetteRiuscire a prevedere le intemperie finanziarie, così come ormai riusciamo a fare con gli uragani e le tempeste, forse resterà solo un sogno; tuttavia le teorie scientifiche adoperate per le previsioni in campo meteorologico e per la prevenzione dei terremoti in geologia, se applicate all’analisi del sistema economico, possono offrire un riparo dalle turbolenze che ciclicamente si abbattono sul sistema capitalistico odierno.
Il crollo finanziario del 2008 non ha minato soltanto le fondamenta del sistema economico mondiale, ma ha anche sancito la crisi del pensiero economico finora dominante.
I concetti di stabilità ed efficienza dei mercati sono stati disattesi dagli effetti di quegli stessi meccanismi che avrebbero dovuto garantirne l’attuazione. Derivati, leva finanziaria, hedge funds, scambi ad alta frequenza, contrariamente a quanto previsto dalla teoria economica dell’equilibrio, hanno invece contribuito, nel momento della crisi, ad amplificare i risultati negativi dei crolli di borsa.
Nel raccontare la storia economica di questi ultimi anni, Mark Buchanan trasmette un nuovo modo di pensare che potrebbe rivoluzionare le scelte di politica economica.

Dal 26 novembre in libreria il nuovo libro “Previsioni”.

Mark Buchanan (Cleveland, 31 ottobre 1961) fisico e divulgatore scientifico statunitense, ha scritto per la rivista scientifica internazionale «Nature» e per il magazine «New Scientist». Columnist del «New York Times», attualmente è editorialista per il giornale «Nature Physics» e collabora con «Newton» e «Wired». Nei suoi recenti lavori si è occupato degli sforzi per utilizzare i concetti di fisica per comprendere i fenomeni nelle scienze sociali e soprattutto in economia. Buchanan ha ricevuto a Torino il Premio Lagrange sui sistemi complessi, edizione 2009, nella sezione speciale relativa alla divulgazione scientifica. In Italia ha già pubblicato Ubiquità (2001), Nexus (2003) e L’Atomo sociale (2007), tutti con Mondadori. Nel 2009, Mark Buchanan ha ricevuto il Premio Lagrange, sui sistemi complessi, nella sezione speciale relativa alla divulgazione scientifica.