Salute: in sovrappeso oltre la metà della popolazione adulta europea

MeteoWeb

OBESITA' FEGATO - CopiaPiù della metà della popolazione adulta di molti Paesi europei è in sovrappeso e il 20-30% in condizione di obesità. In Italia, nel 2005 il 34% degli adulti risultava sovrappeso e il 10% obeso, con un incremento del 9% rispetto ai dati ottenuti nel 2000. Stime raccolte dalle Regioni nel 2007 indicano un quadro simile, con una leggera diminuzione degli individui sovrappeso (32% del totale) e una leggera crescita dell’obesità (11% della popolazione). Nonostante questo, a distanza di qualche anno possiamo ritenere buona l’aspettativa di vita degli italiani, 82,3 anni, contro la media Ocse di 80. Diminuita anche la spesa farmaceutica, di circa il 15% negli ultimi 5 anni. Facendo riferimento a recenti dati Ocse, potremmo dedurne che gli italiani sono migliorati nella prevenzione e nell’attenzione agli stili di vita. Per questo, anziché abbassare la guardia, vale la pena mettere a tema la strategia di successo e un ruolo chiave riguarda l’adozione di stili di vita corretti, essendo le malattie cardiovascolari assieme ai tumori le maggiori cause di mortalità. Età, sesso, pressione arteriosa, fumo, diabete e colesterolemia sono tra gli elementi che più contribuiscono all’esposizione e allo sviluppo di malattie cardiovascolari. Accanto a fattori di rischio non modificabili – quali età, sesso e familiarità – ve ne sono altri su cui è possibile intervenire per prevenire l’insorgere di patologie piuttosto comuni – quali infarto e ictus – adottando uno stile di vita sano che escluda il vizio del fumo e preveda una dieta varia ed equilibrata. E sarà proprio il tema dell’alimentazione ad essere sviluppato – assieme a tanti altri – in occasione del 36,mo congresso Nazionale della SIAPAV – Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare – che si terrà a Roma dal 27 al 29 nvembre 2014 presso l’Auditorium Antonianum.