Capodanno a Venezia? Il meteo suggerisce di sì

MeteoWeb

Anche il clima quest’anno dovrebbe essere favorevole a chi vuole aspettare l’anno nuovo in Piazza San Marco a Venezia: previste temperature basse ma secche, con pochi rischi di rovesci.

venezia meteo capodannoHa appena sei anni, eppure sta diventando una tradizione consolidata: il bacio benaugurale in Piazza San Marco alle ore 22 del 31 dicembre è stato istituito la prima volta per salutare il 2008, coinvolgendo migliaia di coppie (fidanzati, amanti o semplici amici) per un bacio all’unisono sotto il celebre campanile e nella piazza più fotografata del mondo, per lanciare un messaggio di pace e affetto e iniziare l’anno nuovo con amore. Il Capodanno del 2013 ha toccato una quota record con oltre 70mila partecipanti, e anche lo scorso anno l’affluenza è stata piuttosto elevata, confermando questa sorta di flash mob alla veneziana in un evento ormai canonico.

Dopo il momento romantico, come sempre, la piazza San Marco si anima con un affascinante spettacolo pirotecnico: quest’anno, per questioni legate a garanzie di maggiore sicurezza e motivi organizzativi (oltre che per la “spending review” che impone di limitare gli eccessi), il Comune non ha organizzato alcun evento di musica dal vivo prima dello show di fuochi di artificio.

Gli amanti della lirica si possono consolare – per così dire – con il tradizionale Concerto di Capodanno al Teatro La Fenice, diretto dal maestro Daniel Harding (spettacoli in calendario il 30 Dicembre alle 17, il 31 Dicembre alle 16 e il 1° Gennaio alle 11:15), composto da due fasi che coinvolgono prima solo l’orchestra, per poi far spazio all’accompagnamento di interpreti solisti e del coro. Il concerto si conclude con un doppio omaggio a Giuseppe Verdi, con l’intonazione del celeberrimo “Va’ pensiero” tratto dal Nabucco e con il brindisi sulle note di “Libiam ne’ lieti calici” della Traviata. Ma, ovviamente, non mancano soluzioni più “intime” come serate in uno degli ottimi ristoranti della città, magari scegliendo quello con la vista più suggestiva, o più “scatenate” come i party in discoteca o le feste in riva al mare al Lido di Venezia, posto amato da tutti i giovani. Se invece si cerca un’esperienza alternativa e originale, è possibile prenotare il proprio cenone in barca, attraversando i Canali di Venezia da quello della Giudecca al Canale di San Nicolò, dalle bocche di Porto del Lido fino alla Riva dei Sette Martiri, lasciandosi conquistare dal gusto della tradizione gastronomica veneta e brindando all’anno nuovo con un calice di champagne.

È questo, in sintesi, il programma che aspetta quanti hanno deciso di prenotare un hotel a Venezia per le festività di Capodanno o chi si appresterà a farlo a breve, cercando di trovare offerte convenienti online su siti specializzati e affidabili come ad esempio Expedia.

Quest’anno, poi, anche il meteo sembra voler contribuire a rendere speciale la notte più lunga dell’anno: stando agli ultimi aggiornamenti del modello CFS e agli andamenti segnalati dal Servizio Meteorologico dell’Aereonautica Militare, la tendenza per la settimana dal 29 dicembre al 4 gennaio 2015 vede temperature al di sopra della media stagionale, dovute ad alcune anomalie negative provenienti dall’Atlantico settentrionale. Anche nell’Italia settentrionale e dunque a Venezia ci si attende tempo stabile e mite, come su tutta la penisola: solo sul settore alpino potrebbero esserci forti precipitazioni, ma non è ancora possibile determinare con sicurezza se si tratterà di nevicate o di piogge. Correnti gelide, con un’ondata di aria polare che porterà il freddo, potrebbero raggiungere il Settentrione poco prima di Natale, ma per vedere la neve a quote anche basse bisognerà probabilmente attendere i mesi di gennaio e febbraio 2015, con tendenza a un’intensificazione delle correnti settentrionali e polari con temperature decisamente più basse, anche se non “apocalittiche” come invece si temeva qualche settimana fa.

Angelo Vargiu