Disastro ambientale in Bangladesh: chiazza di petrolio minaccia paradiso di mangrovie

/
MeteoWeb

petrolioIn Bangladesh sale l’allarme per la perdita di petrolio causata dall’affondamento di una nave nel fiume Shela il 9 dicembre: secondo il Dhaka Tribune un delfino e’ stato trovato morto nel delta dell’area protetta delle Sunderbars, la piu’ grande foresta di mangrovie del mondo. Il mammifero e’ stato ritrovato a 25 km dal luogo dell’incidente; le autorita’ hanno annunciato che verra’ fatta un’autopsia per chiarire se il decesso sia legato alla chiazza di nafta. La macchia di petrolio, intanto, continua ad estendersi, mettendo sempre piu’ a rischio il vicino santuario dei delfini Irabati Mrigmari-Nandabala-Andharmanik e la foresta di mangrovie. Secondo lo stesso Dhaka Tribune, alcuni pescatori avrebbero gia’ denunciato di aver visto pesci, serpenti, gamberetti e granchi morti, mentre centinaia gli uccelli marini, pesci e lontre sarebbero a rischio.