Un inverno mite in Europa rischia di produrre significativi danni economici per la riduzione dei consumi di gas

MeteoWeb

INQUINAMENTO INDOOR GAS

Un nuovo inverno mite sull’Europa rischia di avere pesantissime ripercussioni economiche per quei paesi che basano la proprio economia sull’esportazione di gas e petrolio. Stando al quadro configurativo dominante sullo scacchiere europeo, anche il mese di Dicembre, cosi come Ottobre e Novembre, rischia di chiudersi con temperature ben al di sopra delle medie stagionali, su gran parte del vecchio continente. Salvo delle eccezioni, come nell’estremo nord della Russia europea, o su una piccola parte dell’Europa occidentale, sul resto del territorio europeo il campo termico dovrebbe presentare significative anomalie positive, soprattutto sul comparto centrale e orientale. Il clima piuttosto mite, soprattutto nei paesi dell’Europa centrale, contribuirà anche ad una sensibile riduzione dei consumi di gas, tanto che in molti paesi i consumi di gas rischiano di essere dimezzati. I danni economici, per paesi come la Russia, rischiano di essere significativi nel caso di un prolungamento di questa fase mite anche nei mesi di Gennaio e Febbraio, determinando un impatto notevole anche dal punto di vista geopolitico.