Meningite: “i vaccini sono l’unica arma per combatterla”

MeteoWeb

meningite menigococcicaLa meningite e’ un’infezione che interessa il sistema nervoso, in particolare le meningi che sono il rivestimento. Come spiega il dottor Alberto Villani, responsabile di Malattie Infettive del Bambino Gesu’, puo’ essere determinata da virus o batteri: i piu’ aggressivi sono proprio i batteri e tra questi meningococco, pneumococco ed Haemophilus Influentiae di tipo B. Vi sono quindi vari sierotipi che determinano la malattia, i piu’ comuni dei quali sono ben tipizzati e immessi nei vaccini. Vaccinarsi sembra essere quindi l’unica arma contro alcune varianti di questa malattia, che ha una progressione in molti casi rapidissima e dei sintomi che inizialmente assomigliano a quelli dell’influenza prima che se ne verifichino altri, come macchie o rigidita’ nucale, che arrivano spesso quando e’ ormai troppo tardi. “Per proteggere i propri bambini dalla meningite si parte dal vaccino esavalente, che si fa in tre richiami a 3,5 e 11 mesi, a cui si aggiunge anche quello contro lo pneumococco, che e’ un’altra puntura e per cui i richiami vanno fatti sempre a 3,5 e 11 mesi- spiega Villani- a un anno di vita si puo’ effettuare invece il vaccino contro il meningococco di tipo c, in una sola dose e poi, dal 1 gennaio 2014, e” possibile effettuare anche quello contro il meningococco b che e’ gratis solo in alcune regioni, come Puglia o Basilicata”. “Esiste poi il vaccino quadrivalente, che va effettuato sempre a un anno, e protegge contro il tipo y,w, c e a”, spiega l’esperto – per cui teoricamente il bambino a un anno di eta’ puo’ essere protetto da tutti i tipi di meningite piu’ comuni.