Natale: palii, luminarie e presepi viventi a Napoli e in Campania

MeteoWeb

mercatini-di-natale-bancarelle-napoliPalii, luminarie e presepi viventi da 200 comparse. Il presepe è come sempre protagonista del Natale in Campania, forte di una tradizione secolare. Luminarie che ritraggono personaggi tipici del presepe e un “palio”, una sfida tra i quartieri della città per la realizzazione del presepe più bello e caratteristico: così Napoli ha scelto di valorizzare uno degli elementi maggiormente caratteristici della sua tradizione artigianale nel periodo natalizio che si è aperto con il tutto esaurito negli alberghi per il ponte dell’Immacolata. Tanti presepi invece di uno, questa l’idea alla base del “Palio dei Presepi” indetto dal Comune di Napoli: una competizione tra i quartieri della città che dovranno realizzare la rappresentazione della natività più bella. Il bando è stato rivolto a tutti i cittadini che si sono costituiti in comitati di quartiere in accordo con le Municipalità di riferimento per creare il proprio presepe con la massima libertà di espressione; potranno infatti scegliere i materiali, i soggetti, gli scenari e le tecniche da utilizzare, esprimendo così tutta la propria creatività. Il concorso vuole promuovere l’antica tradizione presepiale attraverso un contest annuale che coinvolgerà tutti i PALLA NATALE SPARTITI ROSSAquartieri del comune di Napoli, creando una programmazione dell’evento che anno dopo anno possa imprimersi nell’immaginario collettivo come appuntamento consolidato, volto ad accrescere il senso di appartenenza della comunità e l’avvicinamento a una tra le più conosciute tradizioni artigianali napoletane. A Scafati, in provincia di Salerno, si rinnova l’appuntamento con il “Presepe vivente”, voluto e organizzato dalla comunità parrocchiale di Santa Maria delle Vergini guidata da don Giovanni De Riggi. L’edizione 2014 prevede duecento comparse vestite con abiti d’epoca confezionati a mano, degustazioni gratuite di prodotti tipici e, sullo sfondo, le tradizionali melodie natalizie intonate dal coro polifonico parrocchiale. L’iniziativa ha riscosso notevole successo negli anni precedenti, portando migliaia di persone (nel 2013 furono più di 15mila) da ogni angolo della regione, nei vicoli e nei cortili dello storico “Quartiere Vetrai”. Il 26, 27 e 28 dicembre, dalle ore 17 alle 22, il quartiere indosserà i colori tipici della festa trasformandosi in un caratteristico borgo antico in cui giovani, adulti e bambini faranno rivivere la scena della natività riproponendo mestieri e costumi di un tempo, dando vita a quadretti di vita quotidiana riprodotti fin nei minimi dettagli. Sfileranno centurioni e soldati romani, re magi, pastori e lavandaie, locandieri, falegnami e panettieri.