Allerta Meteo, il Centro Epson: “Nuovo peggioramento al Sud, altra neve in arrivo in Calabria e Sicilia”

MeteoWeb

reggio calabria neve blizzard (10)Ultimo giorno dell’anno all’insegna del gelo e delle storiche nevicate al Sud. Imbiancate in queste ore Bari, Brindisi, Lecce, Taranto, Palermo, Messina e addirittura Siracusa, un evento che non capitava da quasi 80 anni. Soltanto il 30 novembre scorso, un mese fa, si registrarono ben 31°C a Palermo, città che oggi vede la neve. A spiegarlo sono i meteorologi del Centro Epson Meteo che affermano che “entreremo nella fase culminante di questa ondata di freddo che si attenuerà coi primo giorni del nuovo anno grazie all’avanzata dell’Anticiclone delle Azzorre”. Il momento più freddo sarà a cavallo fra il 31 dicembre e il 1° gennaio, proprio durante i festeggiamenti del Capodanno. In particolare oggi sarà una giornata di ghiaccio, ossia con temperature che non andranno mai sopra lo zero, in diverse città come Aosta, Bolzano, Bologna, L’Aquila, Campobasso, Perugia, Rieti e Potenza. Questa situazione sarà accompagnata anche dalla neve fin sulle pianure e coste, del medio-basso Adriatico e buona parte del Sud, eccetto le coste campane.

Reggio CatonaFra Calabria e Sicilia si prevedono inusuali nevicate nell’immediato entroterra e localmente anche lungo le coste. I burrascosi e gelidi venti settentrionali che accompagneranno questa fase accentueranno la sensazione di freddo (wind-chill) nella maggior parte del territorio. Nella giornata di oggi continua l’afflusso di aria artica con neve sulle regioni adriatiche dal sud delle Marche al centro-nord della Puglia. Nel pomeriggio si esauriranno le nevicate nelle zona di Bari. Neve più consistente tra Abruzzo e Molise. Nel corso della giornata nevicate attese anche in Calabria a partire dal settore settentrionale (nordest della regione poi in spostamento a tutta la Calabria meridionale) con neve a tratti fino al livello del mare (possibili nevicate anche a Crotone e Lamezia). Per ciò che riguarda la Sicilia avremo un nuovo peggioramento tra tardo pomeriggio e sera per la zona dello Stretto e sulla zona orientale con nevicate a tratti fino al livello del mare (questa sera possibile nevicata anche a Catania). Nella notte possibili nevicate a Ragusa. A fine giornata fenomeni in attenuazione nelle regioni adriatiche.

siracusa07Tra sera e notte avremo un coinvolgimento più deciso della Sardegna orientale, con tempo instabile e nevicate fino in costa (possibile nevicata a Olbia). Sulle regioni settentrionali nuvolosità variabile al Nordest, nel corso della giornata tendenza ad un aumento della nuvolosità al Nordovest fino alle zone pedemontane per l’ingresso dei venti gelidi da est che creeranno uno strato di nubi basse. Non è escluso qualche fiocco di neve prima sull’Emilia Romagna poi tra basso Veneto e Lombardia. Questa nuvolosità sarà in esaurimento nelle prime ore di domani. Schiarite più ampie lungo il Tirreno e all’estremo Nordovest. Oggi soffieranno venti da moderati a forti nordorientali su tutto il Centrosud e alto Adriatico, con raffiche localmente a 70-80 km/h e mari da molto mossi a molto agitati. Freddo intenso in tutta Italia con temperature in ulteriore generale diminuzione: i valori massimi saranno poco sopra lo zero al Nord. Il freddo verrà ancora più intensamente percepito a causa dei venti settentrionali. Il vento è il responsabile della maggiore sensazione di freddo per l’effetto wind chill: le temperature percepite, infatti sono nettamente inferiori rispetto a quanto segnato sui termometri. La percezione del freddo viene accentuata perchè il vento aumenta la velocità con cui il calore corporeo si disperde. Allo stesso modo anche l’umidità influisce sulla temperatura percepita sia nelle giornate calde che nelle giornate fredde. Le particelle d’acqua nelle giornate afose, rallentano il processo di raffreddamento del corpo grazie all’evaporazione del sudore, mentre nelle giornate invernali e uggiose aumenta la sensazione di freddo. Con una temperatura effettiva di 1 grado e vento che soffia a 50 km/h la temperatura percepita dal nostro corpo è di -6 gradi, con una temperatura di -2 gradi e vento con raffiche fino a 40 km/h la percepita è di -10 gradi. Questa mattina a Campobasso con una minima di -7°C a raffiche a 50 km/h la temperatura percepita era addirittura di -15°C.

cannitello1Domani si conferma un miglioramento con l’ondata di maltempo in esaurimento al Centrosud. Ancora nuvolosità variabile nelle regioni del medio adriatico, al Sud e sulla Sicilia intervallata da qualche schiarita e in generale senza precipitazione di rilievo. Per il resto cielo sereno o poco nuvoloso, salvo qualche velatura in transito tra Nordest e Toscana. Venti in parziale attenuazione al Centrosud, ma ancora moderati settentrionali e localmente forti tra Tirreno occidentale, Canale di Sicilia e mar Ionio. Sarà un inizio dell’anno gelido con freddo intenso la notte e al mattino. Da segnalare un lieve rialzo delle massime al Centrosud e sulle Alpi. Gelate diffuse e intense al Nord dove potremmo arrivare a -6-7°C con massime di poco sopra lo zero. Previsti all’alba -7°C ad Aosta e Novara, -6°C a Milano, Bologna, Udine, Verona e Torino, -5°C a Grosseto e Firenze, -4°C a Roma e Viterbo, 0°C a Bari, Crotone, Lecce e Sassari, 2°C a Catania. Con i primi giorni dell’anno si conferma l’attenuazione dell’ondata di freddo, avremo un generale rialzo delle temperature su valori che si riporteranno nelle medie stagionali grazie alla rimonta dell’Anticiclone delle Azzorre che andrà a proteggere soprattutto le regioni settentrionali e quelle centrali tirreniche. Le regioni adriatiche e il Sud potranno invece essere di tanto in tanto lambite da perturbazioni nord-atlantiche in movimento dall’Islanda verso le penisola balcanica. Nel dettaglio venerdì nel complesso tempo abbastanza soleggiato, da segnalare nuvolosità variabile tra Abruzzo Molise, Basilicata nord della Puglia e nord della Sicilia. Nel corso della giornata banchi nuvolosi in transito al Nord a partire da Nordovest, legati a un debole fronte atlantico che con la coda lambirà l’Italia.Venti in ulteriore attenuazione e temperature in generale rialzo nei valori massimi. Ancora molto freddo di notte e al mattino al Centronord con forti gelate. Per il fine settimana la presenza dell’Anticiclone delle Azzorre garantirà tempo stabile. Su zone alpine, regioni adriatiche ed estremo Sud si osserveranno alcuni passaggi nuvolosi senza fenomeni.