Tablet e iPad rovinano il sonno: meglio il “vecchio” libro

MeteoWeb

cellnotteLeggere il romanzo preferito sul tablet o usare lo smartphone sotto le lenzuola prima di prendere sonno può far male al riposo, compromette il ciclo sonno-veglia e fa diminuire l’attenzione durante la giornata. Il monito arriva da uno studio Brigham and Women’s Hospital (Bwh) pubblicato su ‘Proceedings of the National Academy of Sciences’. I ricercatori hanno messo a confronto gli effetti biologici, prima di prendere sonno, della lettura di un ‘e-book’ o del suo originale cartaceo. “La luce a breve lunghezza d’onda (o luce blu) emessa dai dispositivi presi in esame (iPad, laptop, smartphone, ‘e-reader’) interrompe il ritmo circadiano – spiegano i ricercatori – Chi a letto preferisce rilassarsi con la lettura di un e-book ci mette più tempo ad addormentarsi, ha una ridotta secrezione di melatonina ed è meno vigile il giorno seguente, rispetto a chi si è rilassato con un libro cartaceo”. Lo studio ha preso in esame, per un periodo di due settimane, 12 soggetti che hanno letto un libro digitale per quattro ore prima di andare a letto. Le stesse persone hanno poi fatto la stessa cosa, ma questo volta con un libro stampato. “Negli ultimi 50 anni – afferma Charles Czeisler, autore della ricerca – c’è stata una diminuzione della durata media del sonno e della sua qualità. Dal momento che sempre più persone preferiscono dispositivi digitali per la lettura, la comunicazione e l’intrattenimento, in particolare i bambini e gli adolescenti che già soffrono di una significativa perdita di sonno, è urgente – sottolinea – valutare le conseguenze a lungo termine sulla salute di questi dispositivi”.