Capodanno 2015: il nuovo anno inizia con vento e gelo

MeteoWeb

rumiaIl 2015 ha fatto il suo ingresso in Italia accompagnato da vento e gelo con tante citta’ imbiancate e disagi per il traffico. Il freddo potrebbe essere la causa della morte di un uomo, trovato sulle panchine dei giardini pubblici di piazza Cavour, a Napoli. Secondo i primi accertamenti della polizia l’uomo, molto probabilmente uno straniero, dovrebbe essere uno dei senza fissa dimora che solitamente frequentano la zona. La colonnina di mercurio gia’ oggi comunque ha ripreso a salire e nelle prossime ore le temperature subiranno un generale netto aumento: l’alta pressione almeno fino all’Epifania prevarra’ sulla Penisola. Se a Trieste il gelo (alcuni gradi sotto lo zero) e la bora (raffiche che in giornata hanno superato i 100 km/h) hanno costretto ad annullare il previsto spettacolo pirotecnico, e’ soprattutto al Sud che il Capodanno e’ stato flagellato dalle avverse condizioni meteo.

gelo e neveUn vento gelido da nord-est, 40 nodi, su Palermo ha reso difficoltoso stamani l’attracco delle navi nel porto. Il traghetto della Tirrenia, proveniente da Napoli, bloccato in rada dalle 6 e’ riuscito a entrare in porto soltanto verso le 11. E un paio di ore piu’ tardi, calata l’intensita’ del vento, e’ riuscita ad attraccare anche la nave da crociera Norvegian Jeid il cui arrivo era atteso per le 6.30. Oltre alle Eolie, resta isolata anche Ustica, dove traghetto e aliscafi sono bloccati da 4 giorni. Gelo con bufere di neve sulla Sila e in Aspromonte hanno caratterizzato la notte di San Silvestro anche in Calabria. A Lorica c’e’ circa mezzo metro di neve e il termometro segna -6 gradi, qualche grado in meno dei -9 registrati ieri. Analoga situazione a Camigliatello (-5). Colonnina di mercurio abbondantemente sotto lo zero anche sul Pollino. A creare problemi la scorsa notte sono state soprattutto le raffiche di vento di forte intensita’ che hanno sradicato alberi e divelto cartelloni. I vigili del fuoco sono intervenuti per liberare le strade da alberi caduti a Chiaravalle Centrale, Lamezia Terme e Sellia Marina. A Reggio Calabria la situazione meteo e’ in miglioramento dopo l’inusuale nevicata di ieri che ha imbiancato le spiagge di Catona e Gallico senza risparmiare il centro storico. Anche in Puglia il rialzo delle temperature e il cielo sereno, o parzialmente sereno, su tutta la regione stanno lentamente segnando il ritorno alla normalita’ nella viabilita’ dopo le nevicate di ieri. Permangono pero’ situazioni di criticita’ causate dalla presenza di ghiaccio su vaste aree delle province di Foggia (in particolare Gargano e Subappennino dauno), Bari (soprattutto al confine con la Basilicata e nella zona dei trulli), Bat (Murgia) e Taranto. Su queste strade e’ obbligatoria la circolazione con catene o pneumatici invernali. Capodanno sotto zero pure in Sardegna. Ieri sera a Cagliari i fiocchi sono caduti prima della mezzanotte, ma la neve non ha attecchito e questa mattina e’ tornato a splendere il sole. La neve nel capoluogo non si vedeva almeno da un paio d’anni, anche se l’ultima vera nevicata risale al 1993. A Nuoro per la neve e il gelo sono rimasti bloccati ambulanze e mezzi di soccorso, numerosi i tamponamenti e le macchine abbandonate per strada; per ore tantissimi automobilisti sono rimasti intrappolati sulla Ss 131.