Il cerotto diventa “smart”: biodegradabile e previene le infezioni

MeteoWeb

Alla base di questa innovazione nel campo dei prodotti per medicazioni di ustioni e ferite, ci sono materiali preparati grazie alle nanotecnologie

Cerotto smartCerotti e garze intelligenti, biodegradabili e biocompatibili, basati su polimeri naturali, in grado di incorporare olii essenziali, prevenire infezioni e facilitare la guarigione di ferite ed ustioni. E’ il frutto della ricerca nel campo dei dispositivi biomedici condotta dal gruppo Smart Materials, in collaborazione con il Dipartimento di ricerca e Sviluppo Farmaci dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (Iit). Alla base di questa innovazione nel campo dei prodotti per medicazioni di ustioni e ferite, informa un comunicato, ci sono materiali preparati grazie alle nanotecnologie, basati su polimeri naturali in grado di incorporare olii essenziali e altri composti derivati da prodotti naturali quali cannella, menta e limone con diverse proprieta’ (anti-batteriche, anti-infiammatorie, anti-ossidanti). Con i nuovi materiali si possono realizzare non solo cerotti, ma vari tipi di medicazioni e altri dispositivi biomedici. I ricercatori sono riusciti a sviluppare questi nano-materiali compositi di cui possono controllare le proprieta’ e il rilascio dei principi attivi. “In pratica decidiamo noi quando, come e cosa il cerotto rilascia sulla ferita” afferma Athanassia Athanassiou, responsabile del gruppo Smart Materials. “Il vantaggio di questi nuovi prodotti e’ la maggiore efficienza abbinata al costo di produzione ridotto” spiega Rosalia Bertorelli ricercatrice del Dipartimento di ricerca e Sviluppo Farmaci, “Abbiamo gia’ depositato tre brevetti riguardanti questi nuovi prodotti e abbiamo diversi investitori gia’ interessati, se tutto va bene, stiamo pensando a partire con un progetto di startup”.