Ebola: in Sierra leone la trasmissione più intensa dell’epidemia

MeteoWeb

-L’epidemia di Ebola in Guinea e’ fluttuante, in diminuzione in Liberia e sta rallentano in Sierra Leone. E’ quanto riportato in un comunicato dell’Organizzazione mondiale della Sanita’ delle Nazioni unite (Oms), impegnata ad aiutare il governo liberiano nel costruire posti di frontiera per fermare la diffusione transfrontaliera dell’infezione in Africa occidentale. “I casi nella regione orientale della Liberia sono recentemente aumentati come conseguenza degli spostamenti delle comunita’ transfrontaliere che attraversano il confine”, si legge in un comunicato del Programma di sviluppo delle Nazioni unite (Undp). Nel mese di dicembre, nella contea di confine di Grand Cape Mount, sono stati registrati 49 nuovi casi di Ebola, di cui 12 negli ultimi quattro giorni. Il direttore dell’Undp in Liberia, Kamil Kamaluddeen, ha detto che “i valichi di frontiera ufficiali della Sierra Leone a Gran Cape Mount sono tutti pattugliati ma ci sono una serie di luoghi in cui e’ possibile attraversare senza essere scoperti”. L’Agenzia delle Nazioni unite fornira’ motociclette, tende, apparecchiature di comunicazione e dispositivi di protezione individuale per permettere agli operatori sanitari di lavorare lungo otto valichi di frontiera in aree remote al confine con la Sierra Leone. Il capo uscente della missione delle Nazioni unite per l’emergenza Ebola (Unmeer), Anthony Banbury, ha riconosciuto la difficolta’ di dispiegare gli operatori sanitari in alcune aree isolate ma ha ribadito l’importanza di essere presenti in tutti i distretti. Banbury terminera’ il suo mandato domani, 3 gennaio 2015, e sara’ sostituito da Ismail Ould Cheikh Ahmed della Mauritania. Nell’aggiornamento di fine 2014 l’Oms ha dichiarato che il numero di casi di ebola in Guinea e’ stato fluttuante, in diminuzione in Liberia e che l’aumento di incidenza sta rallentando in Sierra Leone. Tuttavia, in un comunicato dell’Agenzia si legge che “nella parte occidentale della Sierra Leone si sta ancora verificando la trasmissione piu’ intensa dell’epidemia rispetto a tutti i paesi interessati”. Ad oggi il virus ebola ha colpito piu’ di 20 mila persone, con oltre 7.800 morti, principalmente in Guinea, Liberia e Sierra Leone. Al 28 dicembre 2014 un totale di 678 operatori sanitari sono stati infettati, 382 di questi sono morti. Il conteggio totale comprende 2 operatori sanitari del Mali, 11 della Nigeria, 1 della Spagna, 1 del Regno unito, 3 degli Stati uniti.