Con il Nobel Wolfgang Ketterle inizia anche in Italia l’Anno della Luce: centinaia di iniziative

MeteoWeb

anno internazionale della luce 2015Parte in Italia l’Anno della Luce, che – su iniziativa dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite – coinvolge 85 Paesi e oltre 100 partner. Dopo l’inaugurazione mondiale, avvenuta presso la sede Unesco di Parigi il 19 gennaio, il Premio Nobel della Fisica 2001 Wolfgang Ketterle del Massachussets Institute of Technology ha dato il via, con una relazione sulla fisica atomica, all’evento italiano. La cerimonia nella Sala del Senato di Palazzo Madama, a Torino, e’ stata organizzata dalla Societa’ Italiana di Fisica con il Comune di Torino e l’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (Inrim).

anno luce 2015A fare gli onori di casa il sindaco Piero Fassino con i rettori dell’Universita’ Gianmaria Ajani e del Politecnico, Marco Gilli, il presidente di Iren, Francesco Profumo. In serata una festosa proiezione di luci sulla facciata barocca di Palazzo Madama, accompagnata dalla musica, con Piazza Castello oscurata per l’occasione. “La capacita’ di raffreddare e manipolare gli atomi con la luce – spiega Ketterle – ha aperto una nuova frontiera della fisica, la scienza degli atomi ultrafreddi. Un’applicazione importante e’ nell’area della metrologia. Un settore rilevante a livello globale per l’innovazione tecnologica in cui e’ particolarmente attivo in Italia l’Istituto nazionale di metrologia di Torino. Per esempio, il raffreddamento laser e l’isolamento degli atomi ha migliorato, in termini di migliaia di volte, l’accuratezza degli orologi atomici. Il che e’ fondamentale per le comunicazioni, il Gps e la scienza di base”. In tutto il Paese sono previste decine di iniziative, messe a punto in collaborazione con le piu’ prestigiose societa’ scientifiche e con istituzioni accademiche di ricerca, per fare conoscere l’importanza della scienza e della tecnologia della luce: un ricco programma di eventi che tocchera’ Ravenna, Milano, Firenze Roma, Capri e Napoli. Il 20 maggio in tutto il mondo si terra’ il Gold (Global Open Laboratory Day): tutti i laboratori attivi nelle tecnologie della luce saranno aperti al pubblico. “Le unita’ di misura che sembrano essere cio’ che di piu’ stabile possa esistere, hanno alle spalle continue ricerche” ha spiegato Maria Luisa Rastello, direttore scientifico dell’Inrim che domani ospitera’ una giornata di studi internazionali con scienziati del calibro di Ketterle, ma anche Elizabeth Giacobino dell’Universita’ di Parigi e del Cnrs, Anton Zellinger dell’Universita’ di Vienna, Thomas Udem e Immanuel Bloch del Max Plank Institute, Patrick Gill del National Physical Laboratory e Wim Ubachs, dell’Universita’ di Amsterdam. Al centro del confronto l’ottica non lineare e le misure di frequenza per la realizzazione di orologi ottici. Le Poste Italiane hanno emesso uno speciale francobollo commemorativo dell’Anno della Luce.