Cani e “Pet Therapy” in aeroporto: così si dimentica la paura di volare

MeteoWeb

Primo esperimento in un aeroporto italiano per superare la paura di volare grazie ai nostri amici a quattro zampe

cani2È ancora una volta confermato, dunque, che il cane è il migliore amico dell’uomo, e lo ha dimostrato un esperimento di pet therapy compiuto il 23 dicembre dai volontari dell’associazione Archi, in compagnia dei loro 16 cani addestrati,  presso l’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova, il primo ad essere realizzato in Italia dopo Stati Uniti e Canada.

Presso il check-in e la zona imbarco per la durata di tre mesi, in via sperimentale, ogni martedì mattina (dalle 8 alle 11) e domenica pomeriggio (dalle 16 alle 19) i passeggeri si confronteranno con questa nuova esperienza, entrando in contatto con Labrador, Golden Retriever e meticci, tutti dotati della loro pettorina di riconoscimento, accarezzandoli, coccolandoli e dando loro da mangiare.

cani e pet therapyPerché sì, l’aereo è ancora un mezzo di trasporto a cui non tutti sono abituati, e può fare paura, causare stress”, dice Tiziana Alliani, direttore Operativo e Sicurezza dell’Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova.

Si è scelto l’imbarco come luogo più adatto in aeroporto proprio perché è l’ultimo in cui il passeggero sosta, con la possibilità che in lui permangano quelle sensazioni di relax e serenità che un cane è in grado di infondere e che gli permetteranno di distrarsi e distendersi durante il volo.

L’aerofobia è particolarmente diffusa anche tra le persone che prendono l’aereo abitualmente: “Si tratta di circa il 40% dei passeggeri – spiega Sonia Ricciu, dell’associazione Archi – e l’aerofobia risulta più comune tra le donne che tra gli uomini. Il 33% di chi ha volato almeno una volta dichiara di avere avuto paura, mentre il 10% delle persone dichiara che non salirà più su un aereo”.