Previsioni Meteo Epifania e Inverno: avvertenza URGENTE per il centro/sud

MeteoWeb

NEVE A TAORMINA (9)Archiviata l’eccezionale ondata di gelo e neve che nei giorni scorsi ha interessato il centro/sud, la neve è ancora l’argomento del giorno dalla Puglia alla Sicilia non solo per lo stupore lasciato nei residenti che non potevano mai pensare ad un evento così straordinario, in molti casi senza precedenti nella storia, ma anche per i danni e le ripercussioni sulla viabilità e sull’agricoltura con danni gravissimi e disagi ancora persistenti. Intanto le condizioni meteo sono migliorate, e le temperature si sono riportate su valori assolutamente normali per il periodo e, anzi, in alcuni casi (specie in montagna) superiori alle medie del periodo.

cannitello neve stretto messinaNei prossimi giorni, però, torneranno freddo e maltempo: ne stiamo parlando da tempo, tra 5 e 6 gennaio una nuova eccezionale ondata di gelo si dirigerà sul Mediterraneo ma stavolta l’Italia sarà colpita solo marginalmente. Il grande freddo andrà su Grecia, Turchia e Medio Oriente, la neve imbiancherà Istanbul, Gerusalemme, Creta e Cipro. Ma anche al Sud torneranno freddo e neve, soprattutto in Puglia. Su quest’evoluzione, e sul prosieguo della stagione, è bene fare una precisazione importante. Un’avvertenza URGENTE per il centro/sud.

CatonaNelle ultime 48 ore abbiamo ricevuto centinaia di richieste di previsioni meteo per l’Epifania in cui in tanti ci chiedono se nevicherà di nuovo a Siracusa, a Ragusa, a Palermo, a Messina e Reggio Calabria, se nevicherà a Catania, Cosenza e Crotone, se nevicherà a Malta. Bene. E’ il caso di rispondere a tutti per chiarire che la neve in queste località è davvero un evento eccezionale, più unico che raro, assolutamente non è la normalità. Non nevica sulle coste dell’estremo Sud ad ogni ondata di freddo e neve. Anche durante le irruzioni di gelo più intenso, solitamente al Sud la neve si ferma ai rilievi, molto raramente arriva sulle colline, figuriamoci su coste e pianure. Nei prossimi giorni NON nevicherà a Palermo, Messina, Catania, Siracusa, Reggio Calabria ecc. ecc. La neve sulle coste del Sud è un fenomeno rarissimo, addirittura alcune spiagge della Sicilia meridionale tra siracusano e ragusano che nei giorni scorsi hanno visto la neve, non si erano mai imbiancate prima nella storia. In meteorologia tutto è possibile, ma che un freddo di questo tipo, con tempi di ritorno secolari in climatologia, si ripeta dopo pochi giorni, è praticamente impossibile. Ma anche dopo pochi anni. Alla luce dell’evento dei giorni scorsi, molto probabilmente per avere qualcosa di simile bisognerà attendere altri decenni, a meno che i cambiamenti climatici non continuino ad estremizzare il clima e quindi a rendere i fenomeni più estremi, con ondate di caldo sempre più calde e ondate di freddo sempre più fredde, ma quest’ipotesi è al vaglio degli studiosi di climatologia e non può essere frutto di analisi meteorologiche.

gallico02Le uniche Regioni che potrebbero vedere nuove nevicate fin su coste e pianure tra 5 e 6 gennaio secondo gli ultimi aggiornamenti sono Puglia e alcune zone di Basilicata e Calabria settentrionale. E’ ancora presto per entrare nei dettagli previsionali perchè basta uno “shift” di pochi chilometri per modificare la previsione per quei giorni. Dopotutto quello che vogliamo chiarire è che adesso sarebbe assolutamente sbagliato e fuorviante aspettarsi ad ogni ondata di freddo la neve sulle coste del Sud. Non è un evento normale, che si può verificare così spesso. Questo non per abbattere i sogni degli appassionati, che dopotutto nei giorni scorsi hanno visto realizzarsi ciò che aspettavano da una vita intera, e per una vita intera. Bisogna avere la coscienza della realtà dei fatti: il centro/sud ha vissuto un evento eccezionale, questo non significa che è diventato il Polo Nord. La neve potrà cadere ancora, anche perchè il clima del Sud è molto variabile in base all’orografia del territorio. Nel febbraio 2006 ha nevicato a Catania, Acireale e molte altre aree joniche della Calabria più di quanto non abbia fatto stavolta, e le irruzioni gelide che hanno provocato grandi nevicate in alcune località e regioni sono state tantissime nella storia. L’eccezionalità dell’irruzione dei giorni scorsi è stata la sua intensità (avrebbe potuto nevicare anche con temperature di 2-3°C più elevate rispetto a quelle raggiunte), la sua estensione (dalla Romagna a Malta), la sua durata (oltre 48 ore). Fenomeni meno intensi, più rapidi e localizzati potranno verificarsi con maggior frequenza, portando la neve una volta qui e una volta lì. Come in Puglia tra 5 e 6 gennaio.

Previsioni Meteo, al Sud torna subito il gelo: ecco dove nevicherà tra 5 e 6 gennaio [MAPPE]