Abbondanti nevicate sul nord-est dell’Afghanistan, torna l’emergenza valanghe per le metrate di neve cadute in montagna

MeteoWeb
LaPresse/Xinhua
LaPresse/Xinhua

Con l’arrivo dell’inverno e delle neve, pure abbondante, sul nord dell’Afghanistan torna pure l’emergenza valanghe. Purtroppo negli ultimi giorni si sono registrati centinaia di morti a seguito di valanghe e slavine, anche di grosse dimensioni, staccatesi dai rilievi circostanti, carichi di neve fresca. Solo pochi giorni fa una slavina ha travolto un villaggio nel nord-est dell’Afghanistan, mietendo la morte di decine di persone, rimaste sommersi sotto una montagna di neve. Nelle scorse settimane, il passaggio di alcune perturbazioni (i resti di vecchi sistemi frontali provenienti dall’Iraq e Iran o depressioni in quota in fase di colmamento) provenienti dall’est della Turchia e dal nord dell’Iran, aveva causato intense nevicate su buona parte dei monti dell’Hindu Kush, dove le precipitazioni si sono fatte particolarmente abbondanti anche per il cosiddetto effetto “stau” (sbarramento orografico) esercitato dagli stessi alle umide correnti occidentali.

LaPresse/Xinhua
LaPresse/Xinhua

Ma nella maggior parte dei casi molte valanghe vengono causate dalle forti raffiche di vento, ad oltre 100-120 km/h, che spazzavano in quota le cime più alte dell’Hindu Kush, generando accumuli eolici rilevante nei versanti “sottovento” (la cosiddetta “neve ventata”) che accrescono l’instabilità del manto nevoso. Purtroppo, nel periodo invernale, soprattutto negli inverni caratterizzati da abbondanti nevicate in montagna, le valanghe sono piuttosto frequenti nel nord-est dell’Afghanistan, ai piedi delle grande montagne del Pamir e dell’Hindu Kush. Secondo un rapporto del governo di Kabul sarebbero saliti a 208 i morti in Afghanistan per le valanghe che hanno colpito il nordest del paese. Nella zona più colpita dal maltempo, la provincia di Panjshir, il numero di morti è salito a 190 dopo che le squadre di soccorritori hanno recuperato altri corpi.

Peak_Engels_in_winterNel frattempo il governo afghano, tra mille difficoltà, sta provvedendo a mettere a disposizione vivande di sopravvivenza, acqua e abiti per le popolazioni colpite. Ora, con l’arrivo della primavera e il disgelo, le attenzioni sono rivolte alle inondazioni che ingrosseranno i vari fiumi e corsi d’acqua dell’Afghanistan centro-settentrionale, determinando probabili inondazioni che rischiano di travolgere numerosi villaggi, specie quelli che sorgono ai piedi dell’Hindu Kush e del Pamir. L’enorme massa di neve, con accumuli superiori anche ai 2-3 metri in quota (localmente anche più), che ammanta le montagne dell’Afghanistan settentrionale, tra Marzo e Aprile rischia di sciogliersi, provocando la piena di molti fiumi e corsi d’acqua che potranno tracimare, inghiottendo intere vallate e canyon. Secondo uno studio dell’Ong Immap, organizzazione specializzata in cartografia e raccolta di dati, almeno il 15% della popolazione afghana rischia di essere pesantemente colpita dalle inondazioni del disgelo primaverile.