Acqua alta anche a Chioggia: il mare ha eroso l’arenile

MeteoWeb

La mareggiata ha eroso l’arenile di Sottomarina ed Isola Verde, mentre ci sono esondazioni di canali in zone rurali e nelle frazioni esterne

chioggiaSpiaggia erosa dalle mareggiate, centri storici sott’acqua e allagamenti a Punta Gorzone: il vento e l’acqua alta hanno messo in ginocchio Chioggia e il sindaco Giuseppe Casson chiede lo stato di crisi. Non e’ solo Venezia, cosi’, a dover fare i conti con l’acqua alta: la marea nella notte ha toccato i 150 centimetri e l’acqua ha invaso il centro di Chioggia e della zona vecchia di Sottomarina. Nella mattina la massima si e’ fermata a 144 cm. La mareggiata inoltre ha eroso l’arenile di Sottomarina ed Isola Verde, mentre ci sono esondazioni di canali in zone rurali e nelle frazioni esterne. Il sindaco ha inviato alla Regione la richiesta che venga dichiarato lo stato di crisi per calamita’ naturale per l’intero territorio del Comune di Chioggia. “Sono ore drammatiche per la citta’. Da 24 ore la Protezione civile di Chioggia sta lavorando, affiancando le autorita’ preposte, per allertare la popolazione e per fronteggiare le molteplici emergenze. Il telefono squilla di continuo – spiega il sindaco Casson – I punti critici del nostro territorio, il litorale e Punta Gorzone, necessitano di soluzioni urgenti e definitive. Per il nostro litorale e’ necessaria un’azione risolutiva per difendere la costa dalle mareggiate improvvise, mentre nell’immediato sono necessari interventi di ripascimento per ripristinare la spiaggia. Il turismo e’ uno dei principali motori della nostra economia e i nostri operatori devono essere nelle condizioni di poter svolgere la loro attivita’ in tranquillita’ per la prossima stagione balneare. Anche le case di Punta Gorzone, una zona fragilissima del nostro territorio, sono state allagate dalla piena dei fiumi. I nostri ripetuti appelli alla Regione per trovare una risoluzione sono caduti nel vuoto. Esiste un progetto che deve essere finanziato per la messa in sicurezza dell’area. E’ tempo di agire”. Allagati i locali interni della scuola Marchetti per lo scoppio di un tubo, conseguente alla rottura di una finestra per le forte raffiche di vento. La scuola rimane inagibile oggi e domani per permettere gli interventi di sistemazione e la messa in sicurezza della struttura. Qualche disagio si e’ registrato anche alla scuola Padoan di Sottomarina.