Allerta Meteo: “bomba” di neve e maltempo, poi gelo super: MAPPE e previsioni dell’aeronautica militare

/
MeteoWeb

Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia fino a martedì 10 febbraio

domani fino alle 7Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: una persistente area depressionaria interessa il Mediterraneo centro occidentale determinando un susseguirsi di impulsi perturbati sul nostro paese associati a correnti dai quadranti meridionali al centro sud e una ventilazione orientale piu’ fresca al nord. Tempo previsto fino alle 7 di domani. Nord: cielo coperto su tutto il settentrione con precipitazioni diffuse su Liguria, Lombardia, Piemonte, Val d’Aosta e Pianura Padana in generale; i fenomeni sul basso Piemonte e sull’Emilia Romagna saranno piu’ persistenti e assumeranno carattere nevoso anche in pianura, specie a ridosso dell’Appennino emiliano. Delle deboli precipitazioni sulle restanti aree con neve tra alto Veneto e Trentino Alto Adige che giungera’ sui 500 metri di quota. Isolati temporali sono attesi dal tardo pomeriggio-sera sul levante ligure mentre durante la notte le precipitazioni si intensificheranno su tutto il nord con quantitativi di neve abbondanti su basso Piemonte ed Emilia Romagna. Centro e Sardegna: nubi diffuse e compatte sulla Sardegna in rapida estensione alle restanti regioni, specie del versante tirrenico, con piogge e temporali sparsi che dall’isola tenderanno a giungere su Toscana e Lazio; i fenomeni, nella serata si faranno piu’ intensi, specie sul Lazio. Pioggia battente dalla sera anche su Umbria, Marche settentrionali e aree interne dell’Abruzzo. Neve sull’Appennino settentrionale a quote in generale superiori a 800-1000 metri e, nel corso della nottata, sui rilievi piu’ alti dell’appennino centrale. Sud e Sicilia: ampie aree con cielo sereno sulla Sicilia e sulla Calabria meridionale; nubi medio alte sulla Puglia e sulle coste molisane mentre annuvolamenti compatti interesseranno la Campania, la Basilicata tirrenica e la Calabria settentrionale con isolati rovesci o temporali. Temperature: minime stazionarie o in lieve diminuzione su Sardegna, Pianura Padano-Veneta e aree adriatiche; in aumento altrove. Venti: settentrionali moderati al nord, con rinforzi anche sensibili su Liguria, coste venete e friulane ed Emilia Romagna; da moderati a forti sud-occidentali al centro-sud tendenti a ruotare da sud; sulla Toscana centro settentrionale vento da nord-est con intensita’ moderata o forte. Mari: da molto mossi ad agitati i bacini ad ovest della penisola con moto ondoso in rapido aumento ad iniziare da Mar Ligure e mari attorno alla Sardegna; da mossi a molto mossi i restanti bacini con moto ondoso in rapido aumento.

domaniIl Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani. Nord: maltempo diffuso su tutto il settentrione, con precipitazioni persistenti; nevicate a quote pianeggianti su Valle d’Aosta, Liguria, Piemonte, Lombardia e Triveneto, con particolare riferimento al Piemonte e all’Emilia, dove gli accumuli risulteranno eccezionalmente abbondanti. Nevicate a bassa quota, a quota collinare su Romagna e Veneto con quota neve intorno ai 300 metri. Centro e Sardegna: molte nubi con pioggia persistente sulle regioni centrali e sulla Sardegna, con rovesci e temporali anche intensi sull’isola, su Toscana e Lazio; fenomeni diffusi e intensi anche su Umbria, Marche e Abruzzo. Quota della neve che torna a scendere, specie dal pomeriggio, attestandosi per fine giornata sui 7-800 metri in Appennino centrale e sui 5-600 metri su quello settentrionale. Sud e Sicilia: nuovo rapido peggioramento per le regioni meridionali, Sicilia compresa, con nubi che si faranno compatte gia’ nella mattinata portando rovesci e temporali sparsi sulla Campania, sulla Sicilia occidentale e sulle coste e immediato entroterra di Calabria e Basilicata tirreniche. Nubi e piogge che poi dal, dal pomeriggio, si estenderanno a tutto il meridione, assumendo la forma di temporale anche sulla puglia. Neve sull’appennino meridionale e sui rilievi siciliani attesa a partire dai 1200 metri ma con quota neve in diminuzione nella seconda parte della giornata fino a 800 metri. Temperature: minime stazionarie o al piu’ in leggero aumento sulle regioni centro-meridionali e sul settore alpino, in leggera diminuzione sulla Pianura Padana e sulle coste dell’alto Adriatico; massime in generale nuova diminuzione, specie al nord sui settori pianeggianti e prealpini, al centro sulle regioni tirreniche, sulla Sardegna e sulla Sicilia, in leggero aumento sul settore alpino centrale e sulle regioni joniche, stazionarie altrove. Venti: burrasca forte, localmente molto forte prima di libeccio e poi di maestrale sulla Sardegna; venti di grecale di burrasca, localmente di burrasca forte su Liguria, Emilia Romagna, coste venete e friulane e Toscana settentrionale con mareggiate lungo le coste esposte; venti fino a burrasca dai quadranti meridionali su Toscana meridionale, Lazio, Campania, Sicilia, Basilicata, in estensione alla Puglia con mareggiate lungo le coste esposte; piu’ attenuata infine la ventilazione sul resto del nord, con direzione di provenienza comunque settentrionale. Mari: da grosso a localmente molto grosso il mare e il canale di Sardegna; fino a molto agitato o grosso il Tirreno centro-meridionale settore ovest e lo stretto di Sicilia; fino a grosso il Tirreno meridionale; fino a molto agitato l’Adriatico e lo Jonio settentrionale; molto mossi localmente agitati i rimanenti mari.

venerdìIl Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorni. VENERDI’ 6 FEBBRAIO Nord: cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni nevose diffuse a quote collinari intorno ai 2-300 metri su Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Trentino Alto-Adige con possibilita’ di nevicate anche lungo le zone pianeggianti. Fenomeni in temporanea attenuazione nel pomeriggio con nuovo inizio delle nevicate in serata su Piemonte occidentale e settori prealpini a quote intorno a 4-500 metri; nuvolosita’ compatta sul resto del nord con precipitazioni sparse localmente diffuse che si attenueranno nel pomeriggio con copertura nuvolosa in diminuzione su Veneto e Friuli Venezia-Giulia. Centro e Sardegna: cielo irregolarmente nuvoloso sull’isola con fenomeni anche a carattere temporalesco lungo le coste occidentali e piogge sparse sul resto del territorio. In serata attenuazione dei fenomeni con parziali aperture lungo il versante orientale; copertura pressocche’ totale sulle regioni tirreniche con piogge sparse localmente diffuse in particolare su basso Lazio e versante settentrionale della Toscana e con possibilita’ di temporali al mattino; nubi basse sulle regioni adriatiche con piogge sparse durante tutta la giornata. Durante il pomeriggio temporanea attenuazione dei fenomeni; le precipitazioni risulteranno a carattere nevoso sull’appennino settentrionale a partire da 7-800 metri mentre sul versante centrale la quota neve risultera’ tra 8-900 metri con nevicate concentrate soprattutto al mattino. Sud e Sicilia: al mattino fenomeni diffusi anche a carattere temporalesco sulle regioni tirreniche in particolare su bassa Campania, Sicilia occidentale, Basilicata e Calabria tirrenica, fenomeni deboli a carattere sparso sul resto del meridione. Dal pomeriggio attenuazione dei fenomeni e copertura nuvolosa in calo a cominciare dai settori piu’ a sud; le precipitazioni risulteranno a carattere nevoso sui rilievi appenninici con quota neve intorno ai 1000 metri. Temperature: minime in diminuzione sulle regioni centro-meridionali, sull’Emilia e sulla Lombardia, le diminuzioni risulteranno piu’ marcate su regioni tirreniche meridionali e sulla Sardegna, stabili altrove; massime in aumento al nord, con aumenti piu’ marcati sul Piemonte e sulla Lombardia occidentale, in diminuzione anche marcata sulle estreme regioni meridionali e sulla Sicilia orientale, stabili o in lieve calo sulle rimanenti regioni. Venti: maestrale moderato, temporaneamente forte durante la prima parte della giornata sulla Sardegna con mareggiate lungo le coste esposte; maestrale moderato sulla Sicilia tendente dal pomeriggio a ruotare da libeccio; libeccio moderato sulle regioni centrali e meridionali con locali rinforzi lungo le zone esposte; grecale moderato su Liguria, Toscana e regioni di nord-est con locali intensificazioni su quest’ultime durante la seconda parte della giornata; deboli settentrionali sul resto delle regioni. Mari: agitati, localmente molto agitati i bacini occidentali centro-meridionali con moto ondoso in diminuzione dalla serata; molto mossi i rimanenti mari con moto ondoso in diminuzione dal pomeriggio.

sabatoSABATO 7: ancora nubi e precipitazioni sparse su tutto il paese, sebbene generalmente non intense, con neve a bassa quota che torna a essere piu’ probabile al nord-ovest e sull’entroterra del centro. Temperature in diminuzione, ventilazione dai quadranti meridionali o orientali generalmente debole o localmente moderata e mari in prevalenza mossi o molto mossi. DOMENICA 8: stabile al nord con locali precipitazioni lungo i rilievi alpini, con probabili nevicate a quote collinari, dal tardo pomeriggio aumento della copertura nuvolosa; piu’ instabile il tempo al centro-sud con fenomeni intensi anche a carattere temporalesco in particolare sulle regioni del medio-basso Tirreno e su quelle adriatiche centrali. In serata precipitazioni nevose sui rilievi alpini e appenninici centrali con quota neve in abbassamento sull’appennino. Intensificazione della ventilazione da settentrione e aumento del moto ondoso dei mari a cominciare da quelli occidentali. Temperature in calo. LUNEDI’ 9MARTEDI’ 10: lunedi’ stabile al nord, tempo perturbato al centro-sud con fenomeni piu’ intensi sulle regioni del basso tirreno e su quelle adriatiche centro-meridionali dove le precipitazioni potranno risultare a carattere nevoso anche in pianura. Ventilazione settentrionale moderata, piu’ intensa al sud. Martedi’ instabile al sud con ventilazione settentrionale moderata e fenomeni precipitativi ancora presenti, piu’ stabile al nord.