Allerta Meteo, gelo al centro/sud: ciclone di 999hPa nel mar Jonio, neve fino a domani [LIVE]

/
MeteoWeb

Allerta Meteo: neve e gelo sono arrivati puntuali come da previsioni, l’irruzione è nel vivo e durerà ancora 24 ore

Copia  di EUMETSAT_MSG_RGB-12-12-9i-segment14La poderosa irruzione polare è arrivata sull’Italia puntuale come da previsioni: le temperature sono crollate sotto i colpi dei venti impetuosi di tramontana che da ieri sera soffiano in modo furioso su tutte le Regioni meridionali, e si stanno ulteriormente intensificando in queste ore al Sud. Stamattina abbiamo avuto 116km/h a Montevergine, sui rilievi dell’Irpinia, 114km/h a Cetara sul litorale salernitano, 113km/h a Gaudisciano in provincia di Caserta, 104km/h a Sarno, 101km/h a Eboli, 92km/h a Maglie nel Salento e a Cava de’ Tirreni, 91km/h a Caserta, 89km/h a Meta di Sorrento, 87km/h a Lampedusa, 85km/h a Napoli, 80km/h a Capri e Linosa, 74km/h a Rieti, 72km/h a Palermo, 70km/h a Crotone e Brindisi, 67km/h a Pescara e Ancona, 65km/h a Taranto e Lecce, 60km/h a Bari e Roma. In Campania danni e disagi per il forte vento, che soffia con raffiche da uragano. Nel pomeriggio sarà così anche in Calabria e Sicilia. Da segnalare anche il grande gelo in pianura Padana con temperature minime che stamattina hanno raggiunto i -10°C in pianura tra Lombardia ed Emilia Romagna (qui i dati). La neve è caduta copiosa tra Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, con accumuli abbondanti nelle zone interne ma anche sulle coste. Come ampiamente previsto, la zona di Barletta, Trani e Andria è stata tra le più colpite fino al momento. Nevicate anche nel basso Lazio e in alcune località della Campania grazie al fenomeno dello “sfondamento” appenninico.

eurIl centro di bassa pressione, profondo 999hPa, si trova proprio nel mar Jonio come negli ultimi aggiornamenti previsionali di ieri è stato correttamente indicato dai principali modelli meteorologici: da lì sta continuando a richiamare aria gelida da nord/est sulle Regioni del Sud, con temperature che continueranno a diminuire fino a stasera. Soprattutto in Calabria e Sicilia, infatti, il “clou” del freddo deve ancora arrivare e sarà nel pomeriggio, dopo il tramonto, quando arriveranno i nuclei più freddi al suolo. Intanto continua il maltempo: dopo le abbondanti precipitazioni delle scorse ore, con accumuli nevosi eccezionali nell’Appennino e soprattutto all’estremo Sud tra Calabria e Sicilia dove si sono verificate nevicate storiche come non accadeva da un secolo, i fenomeni di maltempo continueranno fino a domani mattina, soprattutto grazie ai fenomeni di “Adriatic Sea Effect” e “Tyrrhenian Sea Effect” già descritti ed annunciati nei giorni scorsi.

CNMC_MET_201502091000_ITALY@_IHRV@@@@_@@@@@@@@@@@@_@@@_000_@@@@Non si tratterà più, quindi, di precipitazioni diffuse, estese e abbondanti come quelle delle scorse ore, ma di fenomeni più violenti, improvvisi e veloci, di breve durata, che si formano a causa dello scorrimento delle masse d’aria gelide sul mare sia nel medio/basso Adriatico che nel basso Tirreno, fenomeno già in atto e ben visibile in tutte le immagini satellitari che pubblichiamo a corredo dell’articolo. Con le temperature più basse, sarà possibile che nevichi fin sulle coste anche in Calabria e Sicilia: qualche fiocco è già caduto sia a Crotone che a Reggio Calabria, molto difficile avere accumuli perché nonostante il gelo intenso si tratta appunto di fenomeni veloci e diffusi a macchia di leopardo, alternati a schiarite, mentre nelle zone interne continueranno le bufere abbondanti per lo “stau”. Potrà capitare, specie nel primo pomeriggio, di vedere fiocchi di neve con il sole: potrebbero essere portati dal vento, da nubi vicine, con bellissimi arcobaleni molto luminosi. Non è finita, quindi, ancora nevicate nelle prossime ore fin sulle coste del Sud. Le condizioni meteo miglioreranno soltanto domani, martedì 10 febbraio, con temperature in aumento, schiarite via via sempre più ampie e ultime precipitazioni residue nelle zone interne dell’Appennino. Il clima, comunque, rimarrà freddo e tipicamente invernale per tutta la settimana. Per seguire la situazione in diretta consigliamo le pagine del nowcasting di MeteoWeb: