Alluvioni in Albania: “situazione critica”, nessun precedente dal 1964

MeteoWeb

Secondo le previsioni meteorologiche, mercoledì è prevista una giornata con forti rovesci e il maltempo dovrebbe continuare fino alla fine settimana

Foto LaPresse/Reuters
Foto LaPresse/Reuters

La situazione in Albania dopo il maltempo che si e’ abbattuto sul paese balcanico nel fine settimana “e’ critica”. Lo riferisce il governo di Tirana che ieri sera si e’ riunito per discutere degli interventi necessari per affrontare l’emergenza in particolare nell’area meridionale del paese, a causa anche dello straripamento dei fiumi. “Abbiamo assistito a delle esondazioni che non si erano registrate dal lontano 1964”, ha sottolineato il ministro dell’Agricoltura, Edmond Panariti. Oltre 3 mila ettari di terreni sono coperti dalle acque che hanno circondato circa 1.100 abitazioni, rimaste isolate. Piu’ di 300 famiglie sono state evacuate nelle ultime 24 ore. Le autorita’ di Tirana si sono rivolte anche a Bruxelles per chiedere aiuti anche all’Unione europea. “Ci sono stati contatti con la Commissione europea, sia per aiuti di emergenza che per un sostegno finanziario per i gravi danni subiti, una volta fatto un bilancio esatto”, ha spiegato il vicepremier Niko Peleshi. Le autorita’ temono un nuova ondata di maltempo domani. “Secondo le previsioni meteorologiche, mercoledi’ e’ prevista una giornata con forti rovesci e il maltempo dovrebbe continuare fino alla fine settimana”, ha annunciato Panariti, assicurando che tutte le strutture sono comunque in stato di allerta. Infatti, oltre alle unita’ della protezione civile, alle operazioni di soccorso hanno partecipato anche le forze dell’ordine e dell’esercito albanesi. “Il nostro appello ai cittadini e’ di non opporsi agli appelli di evacuazione, mentre chiediamo a chi e’ gia’ stato sgomberato di non tornare nelle loro abitazioni senza contattare prima le autorita'”, ha dichiarato il ministro dell’Interno Saimir Tahiri.