La Candelora nella tradizione popolare: tanti proverbi meteo sull’evoluzione dell’inverno

MeteoWeb

CANDELORA PROVLa Candelora abbonda, nella tradizione popolare, di proverbi che fungerebbero da pronostici climatici, permettendo di ipotizzare l’evoluzione della seconda parte della stagione fredda prima della tanto attesa primavera. Le credenze popolari, che variano da regione a regione, in alcuni casi si trovano in opposizione tra di loro. Un antichissimo proverbio latino recita: “Si Purificatio nivibus – Pasqua floribus/ Si Purificatio floribus . Pasqua nivibus”; ossia “se il 2 Febbraio fosse stato freddo e nevoso, la Pasqua sarebbe stata bella, se invece, al contrario, il giorno della Purificazione fosse stato sereno, a Pasqua sarebbe caduta la neve”.

CANDELORA PROV 1Un proverbio difficile da considerare valido, poiché  la data della Pasqua varia  di anno in anno. Un detto latino più recente, invece, all’origine dei proverbi attuali sulla Candelora, recitava che: “Sole micante – die Purificante/ frigor peior post quam ante”; ossia: “Se il sole ammicca il giorno della Candelora, seguirà un freddo ben peggiore di prima”. Da qui, comunque, sono uscite le due differenti “versioni in italiano” del proverbio, che recitano, a seconda che ci si trovi al Nord, oppure al Centro- Sud della nostra Penisola, “ma se piove o tira vento – nell’inverno semo dentro”, oppure “ma se Sole o solicello, nell’inverno semo dentro”.

CANDELORA COPIl proverbio fu talmente popolare nell’Antichità, da finire anche al mondo anglo sassone,recitando: “If Candelmas Day be fair and bright/ Winter will have another fight. If Candelmas Day bring clouds and rain/ Winter is gone and won’t come again” Traducendo: “se il giorno di Candelora sarà bello, tornerà di nuovo l’Inverno, se invece sarà nuvoloso e piovoso, l’Inverno è oramai finito” In Romagna si potrebbe sentire anche: ”Se piôv par Zariôla, quaranta dè l’inveran in z’arnôva’‘ ovvero “Se piove per la Candelora, si rinnovano quaranta giorni d’inverno”. A Trieste per la Candelora esiste un proverbio chiaramente legato alla Bora scura o alla Bora Chiara: ‘‘Se la vien con sol e bora, de l’inverno semo fora. Se la vien con piova e vento, de l’inverno semo drento.” In Piemonte si potrebbe sentire: ”Se l’ors a la Siriola la paia al fa soà, ant l’invern tornom a antrà’‘; ovvero “Se l’orso alla Candelora fa saltare la paglia (il giaciglio) si rientra nell’inverno” . 

CANDELORA PROV 4A Napoli invece si dice: ”A Cannelora Viero è fora! Risponde San Biase: Vierno mo’ trase! dice a vecchia dint’ a tana: …nce vo’ ‘nata quarantana! cant’ o monaco dint’ o refettorio: tann’ è estate quann’ è Sant’Antonio!” che tradotto recita: “alla Candelora l’inverno è finito! Risponde San Biase ” L’inverno ora inizia!” . Dice la vecchia dentro la tana ” Ne mancano ancora 40″. Canta il monaco dal refettorio ” L’estate arriva quando viene Sant’Antonio”.  A Foggia, invece, si dice: ‘‘Se p’a Cannelore ne chòve ‘u virne se ne more”, ovvero: “Se nella Candelora non piove/ l’inverno muore”. Il legame del 2 febbraio con le scorte alimentari e le preoccupazioni relative è testimoniato da alcuni proverbi.

candeloraUn proverbio calabrese recita: “Da Candalora, cu on avi carni s’impigna a figghjiola”, mentre in Sicilia si dice:“Pa Cannilora a jaddina fà l’ova. Pa Cannilora du ‘nvirn sim fora. Pa Cannilora u brascirr fora”A Rotello, in Molise, si dice: “A Cannelora, a vernate jè sciute fore! Responne Sante Biase: ‘A vernate ‘ncore trasce’; responne a vecchierelle: ‘Quanne scekoppe a Vecachelle’; responne u viecchie Semmejone: ‘ Se vuo’ sta cchiù secure, quanne calene i meteture'”, ovvero: “Alla Candelora l’inverno è uscito fuori (passato), risponde San Biagio (3 Febbraio): “L’inverno non è ancora arrivato”. Risponde la vecchietta. “Quando sono sbocciate le gemme” ma il vecchio Simeone conclude con saggezza: “Per essere più sicuri, quando arrivano i mietitori”.