Cape Canaveral: successo per il lancio del razzo SpaceX [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Il razzo è atterrato dolcemente nell’Oceano Atlantico, e non su una piattaforma galleggiante, a causa delle cattive condizioni meteo

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

SpaceX ha lanciato con successo un satellite che monitorerà l’attività solare, in quella che è la prima missione nello spazio profondo dell’azienda privata: il razzo è atterrato dolcemente nell’Oceano Atlantico, e non su una piattaforma galleggiante, a causa delle cattive condizioni meteo.

Il satellite Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) del U.S. National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), è stato spedito nello spazio con un razzo Falcon 9 SpaceX alle 23:03 GMT da Cape Canaveral, Florida. Il satellite impiegherà 110 giorni a percorrere il milione e mezzo di chilometri necessario per posizionarsi al punto di Lagrange L1, una posizione ottimale da cui osservare la stella e l’interazione con il nostro pianeta. Il Deep Space Climate Observatory ha tra le sue missioni quella di prevedere i venti solari, che il sole emette sotto forma di raffiche di particelle ad alta energia.