Le cascate del Niagara diventano una scultura di ghiaccio [FOTO]

  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
  • REUTERS
    REUTERS
/
MeteoWeb

Il freddo glaciale di questi giorni ha gelato le rapide più famose al mondo

REUTERS
REUTERS

I fenomeni atmosferici appartengono a quell’immensità che l’uomo non può cogliere, così le cascate più famose al mondo vengono fermate dal freddo del gelido inverno che oggi è arrivato ai 14°C sotto lo zero, dando vita ad uno spettacolo immenso, anch’esso tendente all’infinito, delle cascate che sembrano fermate dalla mano di un geniale artista. Nelle foto a corredo dell’articolo si può osservare la potenza espressa dalle infinite goccioline che sembrano quelle di un video fermato per osservarne un’istante. Le glaciali temperature hanno fatto sì che lo scorso 27 gennaio le rapide venissero scalate per la prima volta da Will Gadd, l’epica impresa è stata ardua e non poco pericolosa ma il 47enne Canadese, scalatore d’eccezione, l’ha portata a termine egregiamente, regalandoci un emozionante avventura e aggiudicandosi il primato.