Maltempo, centro/sud flagellato dall’uragano di neve e gelo: altre 18 ore di allerta meteo, poi migliora [LIVE]

/
MeteoWeb

Il ciclone posizionato sullo Jonio sta dando vita all’atteso “uragano” di neve e gelo che da ieri sera sferza le Regioni del centro/sud: ancora allerta meteo fino a domani

01Il centro/sud Italia è sferzata dalla violenta irruzione polare che sta provocando forte maltempo e abbondanti nevicate fin sui litorali meridionali del Paese. Come ampiamente previsto, il ciclone posizionato nel mar Jonio (attualmente profondo 996hPa) ha dato vita a una sorta di “uragano” di neve e gelo. I venti, infatti, in molte località hanno superato i 100km/h provocando danni e disagi soprattutto in Campania, dove hanno raggiunto i 120km/h. Anche dal punto di vista del freddo sono ore polari: soltanto in Sardegna e in alcune valli del nord la temperatura massima di oggi ha superato (di poco) i +10°C, per il resto molto freddo soprattutto al sud dove a Vibo Valentia ed Enna la colonnina di mercurio non ha superato addirittura +1°C in tutto l’arco della giornata, a Ragusa i +3°C, a Napoli, Cosenza, Salerno, Catanzaro, Caltanissetta e Crotone i +4°C, a Bari, Foggia e Termoli i +5°C, a Frosinone, Lecce, Taranto e Pescara i +6°C, a Reggio Calabria, Brindisi, Ancona e Lamezia Terme i +7°C, a Roma, Palermo, Catania, Messina e Siracusa i +8°C.

POPLEX.2015040.aqua.1kmLa neve sta cadendo copiosa nelle zone interne, con accumuli particolarmente significativi su tutto l’Appennino dall’Abruzzo alla Sicilia. In montagna la colonnina di mercurio è piombata fino a -20°C, mentre lungo le coste il vento impetuoso alimenta la sensazione di freddo con l’effetto wind-chill che porta la temperatura percepita abbondantemente sotto lo zero persino sui litorali siciliani. I mari sono in tempesta con furiose mareggiate su tutte le coste esposte, e il “sea effect” provoca ulteriori nevicate da instabilità come possiamo osservare nelle immagini a corredo dell’articolo. La zona più colpita è stata quella del basso Tirreno tra Calabria e Sicilia e soprattutto nella Calabria centro/meridionale, dove nel vibonese e nel reggino ha nevicato come non accadeva da oltre un secolo con 20cm di accumulo in località come Vibo Valentia, Palmi e Cittanova nella piana di Gioia Tauro. La neve ha imbiancato persino Reggio Calabria e qualche fiocco s’è visto su Catania; abbondanti nevicate fin dalle quote bassissime su tutta la provincia di Catania anche qui con temperature molto basse.

09Nelle prossime ore il ciclone si allontanerà sulla Grecia verso il mare Egeo, abbandonando lo Jonio, dopotutto sull’Italia continuerà il maltempo fino a domani mattina con fenomeni d’instabilità residua che provocheranno altre nevicate fino a bassa quota, anche se le temperature proprio da domani saranno in aumento e pur rimanendo basse, torneranno su valori freddi ma di normalità invernale senza i picchi esagerati di queste ore. Il clima, poi, rimarrà freddo per tutta la settimana ma senza nuove irruzioni di gelo, anche se al Sud non ci sarà un vero e proprio miglioramento e i cieli rimarranno molto nuvolosi o coperti con precipitazioni sparse soprattutto nelle zone interne, nevose fino a bassa quota. Per seguire la situazione in diretta consigliamo le pagine del nowcasting di MeteoWeb: