Maltempo Emilia-Romagna: a Ravenna il mare invade i bagni e le strade

MeteoWeb

Diversi gli stabilimenti balneari allagati e anche gli episodi di esondazione del mare

mareggiate (28)Diversi bagni allagati e vari episodi della cosiddetta ‘ingressione marina’ sulle strade adiacenti la costa. A 14 ore dal preallarme diffuso ieri sera dalla Protezione civile per stato del mare e criticita’ idrauliche, la situazione nel ravennate non e’ delle piu’ semplici. Dalla serata di ieri e’ costantemente attiva un’azione di monitoraggio da parte della Polizia municipale e della struttura tecnica comunale. Il picco della mareggiata si e’ avuto alle 10.30 di questa mattina, con il forte vento da nord-est che ha ostacolato il recapito a mare dei corsi d’acqua. Un nuovo picco e’ atteso per la mezzanotte. Diversi appunto gli stabilimenti balneari allagati e anche gli episodi di esondazione del mare: a Lido di Savio in un tratto di viale Romagna, a Lido Adriano l’acqua in viale Petrarca, a Marina di Ravenna in via Molo Dalmazia e a Porto Corsini in un tratto di via Molo S.Filippo. La ditta che si occupa di global service manutentivo del patrimonio stradale e del servizio di emergenza per calamita’ naturali o di protezione civile ha gia’ posizionato transenne e segnaletica stradale per le necessarie limitazioni alla circolazione e si e’ anche provveduto a posizionare sacchi di sabbia per rafforzare i “passi a mare” di accesso all’arenile e contrastare l’ingressione marina. Sotto controllo i fiumi. Fase di preallarme e monitoraggio proseguono per vento, pioggia, neve, criticita’ idrogeologica e idraulica. “Di fronte alla forte intensita’ delle precipitazioni e alla forza del mare le misure di protezione erette per far fronte all’ingressione marina hanno limitato i danni- commenta l’assessore alla Protezione civile e lavori pubblici Enrico Liverani- e in queste ore l’acqua sta defluendo naturalmente al mare e quindi la fase critica di stamani e’ superata. Siamo pronti per affrontare il nuovo picco previsto per mezzanotte con l’alta marea”.