Maltempo, gravi danni in Australia per il ciclone Marcia: 550 case danneggiate [FOTO]

  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
  • Foto LaPresse/Reuters
    Foto LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb
Foto LaPresse/Reuters
Foto LaPresse/Reuters

Gravi danni per il passaggio del ciclone Marcia che nel nord/est dell’Australia ha danneggiato 550 case e ha provocato un esteso blackout lasciando al buio 60.000 utenze, oltre 200.000 persone. Nonostante la tempesta si sia adesso indebolita, le autorità spiegano in base alle previsioni dei meteorologi che la minaccia di forti venti e inondazioni non è ancora esaurita, in modo particolare nel Queensland. Preoccupa la piena del Mary River. Le città più colpite sono Rockhampton e Yeppoon. Circa 700 soldati stanno aiutando la popolazione a ripulire le zone più colpite.
Il ciclone ha iniziato a colpire il territorio australiano nella mattinata di venerdì ed era una tempesta violentissima, di 5^ categoria sulla scala Saffir-Simpson e adesso s’è indebolito ma è comunque ancora di 1^ categoria.