Samantha Cristoforetti dallo Spazio al Festival di Sanremo: “quassù sto benissimo, è quello che avevo sempre sognato”

  • Foto LaPresse Spada
    Foto LaPresse Spada
  • Foto LaPresse Spada
    Foto LaPresse Spada
  • Foto LaPresse Spada
    Foto LaPresse Spada
  • Foto LaPresse Spada
    Foto LaPresse Spada
/
MeteoWeb
Foto LaPresse Spada
Foto LaPresse Spada

Collegamento con la Stazione spaziale internazionale dal palco del Festival di Sanremo. La super ospite per ‘Tutti cantano Sanremo’ è l’astronauta Samantha Cristoforetti. “Di tutte le interviste che ho fatto è quella che mi porta più in alto di tutte“, ha detto il conduttore Carlo Conti. “Siamo al giorno 81 e mi avvicino a metà della missione, ahimè“, spiega l’astronauta italiana dicendo che “ormai mi sento molto a mio agio, ho amato vivere quassù fin dal primo giorno. Sono dove avevo sempre sognato di essere“. Le gioie dello spazio, spiega Sam, sono “fluttuare, guardare la terra dallo spazio e la gratificazione che deriva dalle attività a bordo come gli esperimenti scientifici“.  Samantha Cristoforetti mostra l’assenza di gravità giocando con il microfono e lasciandolo spesso facendolo galleggiare nell’aria. “Ogni tanto – racconta Samanthaqua hai dei momenti in cui avresti voglia di qualcosa che qua non c’è, come un’insalata fresca con dei buoni pomodori, lavare le mani in acqua corrente o farmi una doccia. Cose che qua non sono possibili, ma sono piccole cose. Di cose grandi e importanti non mi manca nulla“. Quale canzone sveglierà domamni mattina l’astronauta italiana? “Domani mattina mi alzerò con ‘Luce’ di Elisa“.