Schianto dell’aereo TransAsia: il bilancio sale a 23 morti e 15 feriti [FOTO]

  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/XinHua
    LaPresse/XinHua
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
  • LaPresse/Reuters TV/AMVID
    LaPresse/Reuters TV/AMVID
/
MeteoWeb

Almeno 28 persone, tra cui un bambino, sono riuscite a mettersi in salvo uscendo dall’aereo con i giubbotti salvagente

LaPresse/Xinhua
LaPresse/Xinhua

E’ di 23 morti e 15 feriti il bilancio dell’incidente aereo di questa mattina a Taipei, nell’isola di Taiwan, dove un aereo passeggeri con 58 persone a bordo e’ precipitato in un fiume. L’ATR72 della TransAsia Airways ha perso improvvisamente quota ed e’ finito nel fiume Keelung dopo avere colpito un ponte stradale alle 10,45 del mattino, pochi minuti dopo il decollo dall’aeroporto Songshan, il secondo della capitale. Nove dei feriti sono in gravi condizioni. Almeno 28 persone, tra cui un bambino, sono riuscite a mettersi in salvo uscendo dall’aereo con i giubbotti salvagente o sono stati estratti dalla carlinga e fatti salire sui gommoni.

LaPresse/Xinhua
LaPresse/Xinhua

Nel video girato da un’auto (link in basso) si vede l’aereo inclinato che passa vicino ad alcuni grattacieli e raggiunge il ponte, dove sfiora un taxi e urta con l’ala il parapetto prima di finire nel fiume. Il conducente e la passeggera del taxi sono rimasti lievemente feriti. Il turboelica che aveva meno di un anno di vita era diretto all’isola di Kinmen per un volo interno con 53 passeggeri (fra cui 31 turisti cinesi) e cinque membri dell’equipaggio. Il pilota aveva avvisato per tre volte la torre di controllo di un’avaria, lanciando il “Mayday” per un “flameout”, ovvero l’arresto della combustione di un motore. L’amministratore delegato di TransAsia (la terza compagnia di Taiwan), Chen Xinde, e’ apparso in tv per scusarsi con le famiglie dei passeggeri e dell’equipaggio per il tragico incidente. Un altro aereo turboelica della TransAsia, sempre un ATR 72, era precipitato nel luglio dello scorso anno, uccidendo 49 persone. A causa del maltempo, l’aereo si era schiantato sui monti delle isole Penghu mentre era in fase di atterraggio.