Alla scoperta delle fatate isole Faroe in attesa dell’eclissi totale di sole del 20 marzo 2015

MeteoWeb

FAROE 2Nelle fatate isole Faroe, il prossimo 20 marzo, alle 9:41, avverrà uno dei fenomeni celesti più inquietanti e spettacolari: l’eclissi totale di soleL’arcipelago delle Faroe è composto da 18 isole . montagnose, inesplorate ed incontaminate, tutte da scoprire, posizionate nel nord dell’Oceano Atlantico, tra Scozia, Norvegia e Islanda, che occupano un’area di 1400 km quadrati e vantano una popolazione di meno di 50.000 abitanti, capaci di coniugare il meglio della propria tradizione con le moderne tecnologie, attingendo alle usanze per sviluppare nuove invenzioni e servendosi della modernità per riscoprire gli usi del passato. Le isole in questione costituiscono un prezioso eden avvolto dalle acque dei mari del Nord; un vero e proprio paradiso naturalistico che ci regala paesaggi mozzafiato, tra scogliere a picco sul mare, stretti impervi, baie naturali punteggiate da pittoreschi villaggi di pescatori, innumerevoli specie di uccelli e greggi. Si tratta di luoghi in cui è possibile lasciarsi alle spalle il caos, il brusio, lo smog e la frenesia metropolitana per riempire gli occhi di colori veri e puri; quelli di questo paradiso per gli appassionati di ecoturismo.

FAROE 1L’arcipelago delle Faroe, il cui nome, derivante dall’antico norvegese-vichingo “Faar oy” , significa “isole delle pecore”, costituisce dal 1948 una contea autonoma nell’ambito del Regno della Danimarca. Proprio in esso, il 20 marzo, si verificheranno un improvviso calo della temperatura, un cambiamento di colore del cielo, strani comportamenti di uccelli ed animali. Non si tratta dell’apocalisse ma di ciò che precede le rare eclissi solari. Un’eclissi totale si verifica quando la luna è perfettamente allineata sia con il Sole che con la Terra, così che, dal nostro punto di vista, il sole è completamente coperto e, per pochi minuti, vicino alla completa oscurità. Per ogni regione, un’eclissi solare totale avviene, in media, una volta ogni 375 anni. Per circa due minuti e mezzo, il tempo sembrerà sospeso e i turisti e i curiosi provenienti da ogni angolo del mondo, si uniranno ai locali, come testimoni di questo straordinario evento astronomico.

FAROE 4Un’antica leggenda faroese narra che 4 fratelli, che vivevano nel villaggio di Sumba, nel punto più meridionale delle Isole Faroe, tutti coraggiosi e forti, erano soliti combattere e litigare, rischiando di mettere in serio pericolo l’uno la vita dell’altro. Un giorno, mentre si trovavano in montagna con le greggi, videro improvvisamente il buio calare su di loro. Terrorizzati, promisero al Signore che se fossero sopravvissuti a quell’esperienza, sarebbero cambiati, diventando uomini migliori. Poco dopo, il sole tornò a splendere e, stando alla leggenda, i 4 fratelli si abbracciarono amorevolmente, non litigando più per il resto della loro vita. Questo racconto è nato per ricordare l’eclissi solare totale, registratasi nelle Isole Faroe, il 30 maggio 1612 alle 11:25.Come non concordare con Oscar Wilde, che diceva : “Un sentimentale è semplicemente colui che desidera avere il piacere di un’emozione senza pagarla”! Gli occhi, infatti, possono fare il pieno di meraviglia semplicemente alzandosi al cielo, come casuali e fortunati spettatori di magie occasionali. Una di queste avverrà il 20 marzo nelle isole Faroe, definite dal National Geographic come “le isole più attraenti del mondo”. Per pochi ma intensi attimi, tra le 9:41 e le 9:43 del mattino, a seconda della posizione dell’osservatore, per un massimo di 2 minuti e 47 secondi, qui si vivrà una totale ma fugace oscurità.

FAROE 3L’evento è atteso con trepidazione dai faoresi che, ospitali per tradizione, si stanno preparando all’eclissi con un sacco di sorprese per i
visitatori, tra concerti, balli ed una cucina che riserva piacevolissime e gustose pietanze. Perché venire fin qui? Se l’eclissi non dovesse bastare, qui i tramonti sono spettacolari, si respira il profumo di mare a pieni polmoni, le temperature non sono troppo rigide in quanto la Corrente del Golfo mitiga il clima e nelle notti più fredde e limpide è possibile ammirare una fantastica aurora boreale. Le isole sono il paradiso dei birdwatcher che possono trovare pulcinelle di mare e moltissime altre specie di uccelli marini, mentre la vegetazione è composta principalmente da erba, falasco, muschio, funghi e licheni. In Italia, dove l’eclissi sarà parziale, varrà comunque la pena tentare di osservarla. La magnitudine, ossia la frazione del diametro del disco solare coperta dal disco lunare durante la fase centrale dell’eclissi, oscillerà tra un valore minimo di 0,541 per un osservatore di Palermo e un valore massimo di 0,713 per un osservatore di Milano.

FAROEPiù questo numero è grande, maggiore è la parte del disco solare oscurata dal disco lunare. A Milano, l’eclissi inizierà alle 9, 24 minuti e 12 secondi, raggiungendo il suo massimo alle ore 10, 32 minuti e 9 secondi e terminando alle ore 11, 44 minuti e 2 secondi; a Roma il fenomeno inizierà alle ore 9, 23 minuti e 43 secondi, con un massimo alle ore 10, 31 minuti e 13 secondi e una fine alle ore 11, 42 minuti e 35 secondi; a Palermo, l’eclissi inizierà alle 9, 20 minuti e 50 secondi, con un massimo alle 10, 26 minuti e 39 secondi e una fine alle 11, 26 minuti e 38 secondi. L’eclissi solare sarà parziale in Islanda, Groenlandia, Europa, Nord Africa e Asia occidentale, Pacifico e Asia orientale. Quella totale avverrà in Atlantico settentrionale, nelle Isole Faroe e nelle Isole Svalbard. Il fenomeno avrà inizio nel Nord Atlantico, raggiungendo le Isole Faroe. Sarà poi la volta di Svalbard, arcipelago norvegese situato a metà strada tra Norvegia Continentale e Polo Nord, sino a terminare al Polo Nord.