La siccità minaccia il Carnevale di Rio de Janeiro, ma lo show inizia lo stesso: le FOTO della cerimonia di apertura

  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
  • Foto LaPresse/XinHua
    Foto LaPresse/XinHua
/
MeteoWeb
Foto LaPresse/XinHua
Foto LaPresse/XinHua

La gravissima siccità che da mesi affligge il sud-est del Brasile incombe anche sul carnevale più famoso del mondo, quello di Rio de Janeiro, al via ufficialmente stasera con le prime esibizioni delle scuole di samba della Serie A. L’usoanza degli spruzzi d’acqua sulle sfilate è stato apertamente “scoraggiato” dalle autorità brasiliane: alcune delle partecipanti lo hanno escluso del tutto, altre diminuito drasticamente, anche se faceva parte delle loro allegorie. E’ il caso per esempio della Unidos do Viradouro, che nel suo primo carro avrebbe dovuto usarne 40 mila litri e ha da ultimo deciso di ridurli a 10 mila. O della Uniao da Ilha do Governador, che avrebbe far dovuto sgorgare dai 3.500 ai 4.500 litri da una simbolica fonte della gioventu’ e ha invece optato per cancellarne definitivamente l’uso. Il problema della siccità è stato preso ancor più seriamente da almeno 30 comuni del gigante sudamericano, che hanno addirittura decretato l’abolizione di ogni evento in programma. Soluzioni radicali che hanno riguardato soprattutto alcuni municipi nelle vicinanze di San Paolo, la città più colpita dall’assenza di piogge. Bacini secchi e rubinetti a rischio di razionamento anche a Rio.