Venezuela, avventurieri a spasso sul monte Ronaira e tra le sue meraviglie [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

La savana venezuelana, il fiume e la vegetazione fanno da contorno ai fortunati escursionisti

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

Ecco le incredibili immagini dei turisti che affollano il Monte Ronaira in Venezuela al confine con il Brasile. Le foto del monte sono a dir poco suggestionanti soprattutto per la forma del monte stesso che appare come un tavolo a più ripiani. Gli escursionisti che si affollano su i suoi “scalini” si avventurano ogni anno per escursioni della durata di 6 giorni attraverso la savana del Venezuela, il fiume e il monte Ronaria con i suoi 600 metri di scogliera. Il monte venezuelano che è stato esplorato nel 19° secolo, ha ispirato il romanzo di Arthur Conan Doyle intitolato “Il mondo perduto” ed offre paesagi strepitosi. Esso rappresenta un’attrattiva importante per tutti gli esploratori in cerca di qualche brivido. Una volta era considerato impenetrabile per tutti tranne che per gli indigini del posto, mentre ora si vede attraversato da migliaia di escursionisti.

Il monte Ronaria rappresenta un aiuto per il traballante turismo venezuelano e sfruttato nella giusta maniera potrebbe anche avvantaggiare la ripresa della comunità locali grazie al suo paesaggio preistorico mozzafiato.