Viaggio alla scoperta delle fiabesche “Grotte del Drago” di Maiorca [FOTO]

/
MeteoWeb

Il certosino lavoro di Madre Natura è oggi messo ancor più in risalto dal percorso di luci e suoni allestito nell’ambiente

GROTTE DRAGOSituate sulla costa orientale di Maiorca, le Grotte del Drago (Cuevas del Drach) sono una delle più affascinanti attrazioni turistiche dell’isola. Esse hanno uno sviluppo orizzontale di circa 2400 metri e una profondità massima di 25 metri nel sottosuolo. Si tratta di 4 grotte interconnesse (“la grotta dei Francesi”, quella “di Luigi Salvatore”, “la grotta Bianca” e la “grotta Nera”); meraviglie naturali, plasmate dall’instancabile lavoro dell’acqua che, infiltrandosi in terreni dell’Era terziaria, trascinando il carbonato di calcio, ha dato vita a sculture uniche: stalattiti, stalagmiti, centinaia di colonne e massicci calcarei surreali.

GROTTE DRAGO 1Il certosino lavoro di Madre Natura è oggi messo ancor più in risalto dal percorso di luci e suoni allestito nell’ambiente. Fu Alfred Martel che, ai primi di settembre del 1896, guidò la spedizione che portò a scoprire quel che si nascondeva oltre la grotta di Luigi Salvatore: il lago Martel, uno dei maggiori laghi sotterranei al mondo, lungo 117 metri e largo 30 metri, con una temperatura di 17° C, leggermente salato a riprova del suo contatto con il Mar Mediterraneo; reso ancora più affascinante dall’illuminazione creata da Carlos Buigas nel 1935. La conformazione particolare delle grotte rende la propagazione del suono uniforme e per questo sono sede di concerti di musica classica. Durante le sere estive, infatti, l’interno delle Grotte del Drago si anima con melodie stupende che moltissimi turisti di Maiorca si recano ad ascoltare. Al termine di ogni concerto, il pubblico, volendo, può fare un breve giro in barca sullo specchio d’acqua per ammirare, più da vicino, il fascino naturale delle Grotte del Drago di Maiorca.