Allerta Meteo: violenta tempesta sull’Italia, il maltempo insiste almeno 6 giorni al Sud. MAPPE e bollettino dell’aeronautica militare

/
MeteoWeb

Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia fino a martedì 10 marzo

domani fino alle 7Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Tempo previsto fino alle 7 di domaniNord: graduale peggioramento a partire dalla Liguria ed Emilia Romagna con cielo prevalentemente nuvoloso con piogge sparse. Molte nubi sull’arco alpino con prime nevicate sull’trentino, alpi Lombardia e valle d’Aosta. Ulteriore generale aumento delle nubi con piogge intense e persistenti sull’Emilia Romagna e precipitazioni sparse sul resto del nord. Dalla sera nevicate sull’appennino ligure in estensione a quello tosco emiliano. Durante la notte attenuazione dei fenomeni ad iniziare dal Piemonte e valle d’Aosta in estensione alle altre regioni. Centro e Sardegna: cielo irregolarmente nuvoloso con temporanei annuvolamenti sul Toscana, Lazio, Umbria e marche con piogge sparse. Tendenza a peggioramento su tutte le regioni peninsulari e sulla Sardegna con piogge diffuse più persistenti e localmente intense sul toscana, Umbria, marche e Lazio in estensione dalla notte all’Abruzzo. Nevicate sull’appennino centrale durante la notte e al primo mattino a quote superiori ai 700-900 metri. Sud e Sicilia: cielo parzialmente nuvoloso con annuvolamenti in aumento su Campania, basilica e puglia con piogge sparse dalla sera ulteriore aumento della nuvolosità sulle regioni peninsulari con piogge persistenti e di forte intensità sul Molise. Temporali notturni su Campania e coste calabre. Dalla notte le piogge interesseranno anche la Sicilia. Temperature: in diminuzione sulla Sardegna, zone alpine e regioni centrali, in temporaneo aumento al sud. Venti: moderati dai quadranti meridionali al sud con locali rinforzi sul Salento e Campania. Moderati da nord est sulle regioni centro quelle del nord con rinforzi di vento forte su Marche, Toscana, Umbria, Emilia Romagna, coste venete e Liguria. Da forti a molto forti di maestrale sulla Sardegna. Mari: molto mosso il ligure e l’alto adriatico; agitato il mare di Sardegna. Mossi i restanti bacini. Dalla notte moto ondoso in forte aumento su tutti i bacini.

domaniIl Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani. Nord: al nord-ovest, sulla Lombardia e trentino Alto Adige, al mattino locali foschie nelle valli con un cielo generalmente sereno o poco nuvoloso. Sulle restanti aree una nuvolosità irregolare nella prima parte della giornata, con nubi che sulle aree costiere dell’Emilia Romagna tenderanno ad essere un po’ più diffuse, diradandosi comunque nel corso del pomeriggio. Precipitazioni limitate alle prime ore del giorno proprio sull’Emilia Romagna, ancora in forma nevosa a quota di collina sulla fascia pedemontana appenninica della stessa regione. Centro e Sardegna: cielo coperto sia sulla Sardegna che sul centro peninsulare per gran parte della giornata, con precipitazioni diffuse, che sulla Sardegna e sulle regioni tirreniche arriveranno anche nella forma di temporale. I fenomeni temporaleschi sul Lazio e Toscana potranno essere localmente di forte intensità. Sarà pioggia abbondante e persistente invece su Marche, Umbria e Abruzzo, con neve a quota di collina, al di sopra dei 400-500 metri, e conseguenti accumuli significativi su gran parte dell’entroterra di queste regioni. Neve a quote collinari in arrivo anche sulla bassa Toscana, sul Lazio e sull’entroterra della Sardegna. Tendenza ad attenuazione delle precipitazioni nella seconda parte della giornata, sulle regioni tirreniche e Sardegna, invece sul versante adriatico pioggia e neve anche intense tenderanno a persistere. Sud e Sicilia: sui settori tirrenici nuvolosità estesa con associate precipitazioni diffuse con fenomeni temporaleschi che localmente assumeranno anche forte intensità sulle coste di Campania, Calabria e Basilicata. Pioggia persistente e neve abbondante a quote collinari sul Molise; sulle restanti aree nubi meno compatte con precipitazioni da spase a diffuse. Neve a bassa quota anche sulla puglia settentrionale e sulle zone montuose del basso versante tirrenico. Temperature: in generale decisa diminuzione sia nei valori minimi che in quelli massimi. Venti: settentrionali al centro-nord e sulla Sardegna, con intensità che sull’isola, sulle regioni centrali, sulla Liguria e sull’Emilia Romagna giungerà fino a burrasca forte o, con specifico riferimento alla bassa toscana, all’alto Lazio, alla Sardegna orientale ed alle coste di Abruzzo e Molise, anche di tempesta; meridionali al sud peninsulare, dapprima moderati ma tendenti a rinforzare ruotando da ponente sulla calabria; da ovest nord-ovest infine sulla Sicilia, con intensità da burrasca a burrasca forte. Mari: moto ondoso molto accentuato su tutti i nostri mari, con condizioni generalizzate di mare molto agitato, che diverrà grosso sul mar di Sardegna, sul canale di Sardegna, sul medio e basso tirreno, sullo stretto di Sicilia e sull’adriatico centrale. Forti mareggiate sono infine attese sulla Sardegna, sulle marche, e sull’Abruzzo, mareggiate anche sulla Sicilia occidentale e settentrionale, e sul Molise.

venerdìIl Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorni. Venerdi’ 6 marzo Nord: generalmente sereno o poco nuvoloso. Locali foschie al mattino nelle valli. Centro e Sardegna: sull’Abruzzo e sui settori meridionali delle marche e quelli orientali dell’Umbria nuvolosità estesa con precipitazioni abbondanti e persistenti nella prima parte della giornata, con tendenza ad attenuazione di nubi e fenomeni nella seconda parte della giornata. Neve su colline abruzzesi che localmente potranno interessare le aree pianeggianti. Sulla Sardegna sulle restanti aree delle marche e dell’Umbria nuvolosità localmente compatta si alternerà ad ampie schiarite. Possibili precipitazioni sparse specie nella prima parte della giornata. Sulle restanti aree cielo generalmente sereno o poco nuvoloso sui settori pianeggianti mentre locali addensamenti e precipitazioni occasionali potranno interessare le aree appenniniche del Lazio. I fenomeni risulteranno nevosi a quote collinari. Sud e Sicilia: nuvolosità estesa su gran parte dei settori con associate precipitazioni da sparse a diffuse, localmente i fenomeni assumeranno carattere temporalesco di moderata forte intensità sulla Puglia e sui settori costieri tirrenici. Precipitazioni ancora abbondanti sul Molise. Neve su colline della Sicilia e dell’appennino calabro lucano e molisano. Temperature: minime in ulteriore lieve diminuzione su gran parte dei settori; massime in aumento al nord, stazionarie al centro, in calo al sud. Venti: al nord moderati settentrionali con locali rinforzi su Liguria e nord est; al centro sud forti settentrionali su gran parte dei settori con ulteriori intensificazioni su Toscana, Lazio, Sardegna orientale, ed Abruzzo e Molise. Mari: grosso il tirreno nei sui settori occidentali; molto agitato il medio adriatico i restanti settori del tirreno ed il canale di Sardegna; agitato il basso adriatico e lo Jonio; molto mossi i restanti bacini; con moto ondoso che su tutti i settori tende lentamente ad attenuarsi nella seconda parte della giornata.

sabatoSabato 7: precipitazioni sparse ancora interesseranno il settore ionico e le regioni del medio adriatico, tuttavia localmente su Abruzzo e settori meridionali delle marche possibili ancora fenomeni diffusi. Ampie schiarite sulle restanti aree con della nuvolosità più significativa sulla Sardegna e sull’Umbria e sulle restanti aree meridionali ma con scarsa possibilità di precipitazioni. Domenica 8: instabilità ancora sulle regioni meridionali con fenomeni che risulteranno diffusi e localmente temporaleschi sui settori ionici e sulla Sicilia orientale, mentre sparsi sulle restanti aree. Precipitazioni occasionali sulle regioni del medio adriatico ed i settori orientali della Sardegna. Sulle restanti aree cielo generalmente sereno o poco nuvoloso. Lunedì 9 e martedì 10: lunedì residua instabilità sulle regioni del settore ionico e Sicilia orientale, si attenua la fenomenologia sul medio adriatico, mentre piogge sparse interesseranno la Sardegna. Nuvolosità irregolare sul nord est e sul restante settore adriatico ma senza fenomeni associati. cielo poco nuvoloso sulle restanti aree. Martedì poche nubi sul nord ovest e settori tirrenici centro settentrionali, cielo irregolarmente nuvoloso sulle restanti aree con precipitazioni sparse al sud e Sardegna.