Clima: l’impatto delle eruzioni vulcaniche è stato maggiore di quanto pensato

MeteoWeb

Nello studio i ricercatori hanno analizzato anche le ultime eruzioni più importanti

eruzione-vesuvio-79-vulcanoL’impatto delle maggiori eruzioni vulcaniche sul clima va ben oltre il raffreddamento della Terra causato nei due-tre anni successivi dalle piccole particelle rilasciate nell’atmosfera, che ‘schermano’ il pianeta riflettendo i raggi solari. Secondo uno studio condotto da CNRS, IRD, CEA e Me’te’o-France, e pubblicato su Nature Communications, le eruzioni possono alterare per oltre 20 anni la circolazione oceanica nel nord dell’Atlantico, che influenza il clima in Europa. Secondo i ricercatori, il raffreddamento del pianeta causato dai vulcani innesca a sua volta una riorganizzazione nella circolazione oceanica nel nord dell’Atlantico. Gli studiosi hanno notato che questa accelera 15 anni dopo l’eruzione, rallenta dopo 25 anni e poi aumenta di nuovo 35 anni dopo l’eruzione. Per i ricercatori, le eruzioni sembrano quindi causare variabilita’ nella corrente nord atlantica per un periodo di 25 anni. Questo stesso andamento e’ stato riscontrato anche nei millenni passati: usando i dati estratti dai fossili e simulazioni climatiche, gli studiosi hanno sistematicamente notato accelerazioni della circolazione 15 anni dopo le cinque maggiori eruzioni vulcaniche avvenute nei millenni scorsi. Nello studio i ricercatori hanno analizzato anche le ultime eruzioni piu’ importanti, quelle del vulcano Agung (Indonesia) nel 1963, El Chicon (Messico) nel 1982 e Pinatubo (Filippine) nel 1991, spiegando cosi’ per la prima volta la recente variabilita’ della corrente nord-atlantica.