Disastro Germanwings, pilota: “Lasciai solo Lubitz in cabina, sembrava fidato”

MeteoWeb

“Era molto bravo a condurre l’aereo, lo controllava bene. Anche per questo lo lasciai solo in cabina”

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

Un pilota di Germanwings racconta che durante un volo lasciò il copilota Andreas Lubitz da solo in cabina per andare al bagno e che gli parve una persona seria e affidabile. Il 48enne Frank Woiton lo ha raccontato al giornale tedesco Bild, mentre continuano a emergere nuove informazioni su Lubitz, che avrebbe fatto schiantare intenzionalmente un Airbus uccidendo le 150 persone che erano a bordo. “Lo ricordo bene. Quando volai con lui, lasciai il mio posto per un breve momento per andare al bagno”, ha raccontato, spiegando che non in Lubitz c’era nulla che potesse destare preoccupazione o sospetto. Il copilota gli parlò della sua formazione, di “quanto era felice” e di essere “pronto a volare su lunghe distanze, del fatto che voleva diventare comandante”, ha raccontato. “Era molto bravo a condurre l’aereo, lo controllava bene. Anche per questo lo lasciai solo in cabina”, ha spiegato. Secondo Woiton, “l’atto inconcepibile di quest’uomo ha distrutto una infinita fiducia, che ora va ricostruita passo a passo”. Il pilota è diventato noto sui social network e su internet perché, per rassicurare i passeggeri dei voli che ha condotto dopo il disastro aereo, è andato a stringere la mano a ciascuno di loro. “Volevo che i passeggeri vedessero che anche davanti, in cabina, c’è una persona”, ha spiegato.