Domenica delle Palme: i festeggiamenti più importanti in Italia

MeteoWeb

Oggi si festeggia la Domenica delle Palme: tanti appuntamenti originali all’insegna di una tradizione che si rinnova

ABBADIACome si festeggia la Domenica delle Palme in Italia? Tante e curiose sono le tradizioni radicate nelle varie regioni del nostro Paese. A Melzo, in provincia di Milano, è tempo della Fiera delle Palme, un appuntamento all’insegna di fuochi d’artificio, bancarelle, spettacoli delle scuole di ballo, concerti, mostre fotografiche, mostre del settore bovino ed ovino, dimostrazioni delle associazioni sportive. Ad Abbadia di Montepulciano, appuntamento con la tradizionale corsa su pista con cavalli montati a peso dai fantini del Palio e, restando nel senese, a Castelnuovo Berardenga l’inizio della Settimana Santa si festeggia con le bancarelle della Fiera promozionale che si svolge, come ogni anno, nel centro storico.

GANGINel comune di Gangi, invece, le varie Confraternite, la mattina presto si ritrovano nella chiesa della Confraternita di turno, scelta in base ad un antico sorteggio che prevede un rigido ordine ciclico, procedendo alla spartizione delle palme, assegnate con estrazione a sorte, e all’allestimento delle Grandi palme da portare in processione con fiori, rami di datteri e simboli sacri realizzati artigianalmente utilizzando le stesse palme. La Domenica delle Palme di Montescaglioso, in provincia di Matera, è per i fidanzati : se un tempo, i giovani maschietti portavano in chiesa palme e ghirlande fatte con foglie d’ulivo, appendendovi al centro gli ori da regalare alle fidanzate; oggi le coppie che devono sposarsi nello stesso anno vengono chiamate sull’altare, partecipando alla processione dopo la messa. A Lungro (Cosenza) dove vive un’antica comunità albanese, le palme e gli ulivi vengono sostituiti dall’alloro benedetto, come da rito bizantino.

BOVA CHORAMa un rito davvero unico e suggestivo, sconosciuto in altre parti d’Italia si celebra ogni anno a Bova-Chora, in provincia di Reggio Calabria in cui, con una forte partecipazione popolare, vengono portate in processione, fino al santuario di San Leo, la chiesa principale di Bova, delle grandi figure femminili costruite con foglie di ulivo, le cosiddette ‘pupazze’, abbellite fantasiosamente con fiori freschi di campo e arricchite e ingioiellate con frutta fresca e primizie. A Scalea si fanno benedire anche delle palme un po’ particolari, adornate da piccoli formaggi di produzione locale (caciocavalli) o realizzate con confetti.

CACCAMOA Partanna Mondello (PA), invece,  si anticipa la Passione di Gesù Cristo nella Domenica delle Palme, con 150 attori, la maggior parte giovani di borgata, che si prestano alla Sacra rappresentazione nei luoghi all’aperto che ricreano scenari il più possibile aderenti alle testimonianze evangeliche. Caccamo (PA), invece, è famosa per “U signuruzzu a cavaddu”, una cerimonia di origine orientale che rievoca l’ingresso di Gesù a Gerusalemme; una sfilata per le chiese principali con un chierichetto che, a dorso d’asino, elegantemente bardato e infiorato, benedice gli astanti. Il chierichetto è il più piccolo degli aspirati “russuliddi”, in abito talare ed accessori completamente rossi. Sia Gesù che i 12 apostoli sono impersonati da ragazzi con in mano lunghi rami di palme che, lungo il percorso, si intrecciano, formando degli archi sotto i quali transita il festeggiato.