Eclissi solare: tutti i consigli degli esperti per osservarla senza rischi

MeteoWeb

ECLISSI SPECIALE 1Gli italiani stanno contando le ore che li separano all’eclissi di Sole prevista per venerdi’ mattina. Ma gli esperti raccomandano cautela per la salute degli occhi: “se mettiamo a fuoco il sole sull’occhio non facciamo altro che danneggiare severamente la retina” avverte Paolo Vinciguerra, direttore del Centro Oculistico dell’Istituto Humanitas. “Quando si osserva una luce molto forte – spiega l’esperto – la cornea e il cristallino mettono a fuoco la luce sulla retina. L’occhio e’ fatto apposta per concentrare la luce. L’effetto e’ triplice: aumenta moltissimo l’intensita’ luminosa, la luce focalizzata riscalda la retina e, infine, se si supera una certa soglia di intensita’ e di energia, il tessuto viene bruciato”. Le conseguenze possono essere limitazioni alla vista, alla capacita’ di leggere o di riconoscere distintamente cio’ si guarda, ma anche un’immagine’ impressa (come un alone) che rimane per tutta la vita. Usare telescopi e binocoli, se non si sa cosa si sta facendo, va assolutamente evitato: “Con il telescopio si mette a fuoco ancora meglio e sull’occhio di energia ne arriva ancora di piu’: la retina puo’ danneggiarsi piu’ facilmente”. La soluzione migliore e’ dunque usare delle lenti protettive scure adeguate (per i binocoli e i telescopi esistono appositi filtri) oppure gli occhiali da saldatore, con indice di protezione 14. Da evitare, invece, i rimedi fai-da-te, che “non sono in grado di filtrare la componente piu’ pericolosa dei raggi luminosi. L’attenuazione della luminosita’ che inducono – conclude Pietro Rosetta, dell’unita’ Operativa di Oculistica in Humanitas – puo’ ingannare e la tranquillita’ in assenza di sintomi pua’ provocare un’esposizione prolungata alla radiazione ed essere causa di cecita'”.