Emergenza maltempo in Abruzzo, situazione critica per le frane

MeteoWeb

franePer quanto riguarda l’ultima frana in ordine di tempo, che ha interessato il lungofiume Saline, a Montesilvano, l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Valter Cozzi ha compiuto un sopralluogo con il dirigente di settore Gianfranco Niccolo’, l’architetto Fabio Ciarallo, il commissario ad acta della discarica Domenico Orlando, e i dirigenti regionali Vittorio Di Biase, capo Dipartimento delle Opere pubbliche, Governo e Territorio e Gianfranco Piselli, dirigente regionale Politiche Ambientali e Genio Civile. “Abbiamo riscontrato – afferma Cozzi – l’esondazione del fiume Saline su piu’ punti. Ma la cosa che desta maggiori preoccupazioni e’ il movimento franoso che ha quasi completamente cancellato parte della carreggiata a ridosso della discarica. Sono necessari interventi di somma urgenza, assolutamente non rinviabili”. “Ringraziamo la Regione per la tempestivita’ che ha dimostrato. Gia’ da domani mattina, infatti – prosegue Cozzi – il Genio Civile interverra’ per un primo contenimento del cedimento del terreno. Le operazioni sul sito che, ricordiamo, e’ di competenza regionale, necessitano anche del completamento dei lavori sul nuovo tracciato, poiche’ il lungofiume, completamente impraticabile, attualmente non puo’ essere assolutamente riaperto al traffico veicolare. A tal proposito, ho gia’ preso contatti con il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, che si e’ impegnato a convocare un tavolo con il Comune e il Genio Civile proprio per spingere il piede sull’acceleratore e completare i lavori. Intanto sempre a causa delle avverse condizioni meteorologiche dei giorni scorsi, che hanno messo a dura prova la stabilita’ degli alberi della citta’, il sindaco Francesco Maragno ha firmato quest’oggi un’ordinanza con la quale ha disposto il divieto di accesso, dalle 9 di questa mattina, sino a diversa disposizione nella Pineta di Santa Filomena. La cittadinanza e’ invitata a transitare con prudenza e attenzione lungo le strade e le aree pubbliche, soprattutto in prossimita’ con alberature e strutture precarie.