Enea: pubblicati negli USA gli esiti della ricerca sui lidar per misurare i fumi vulcanici

MeteoWeb

11082721_10206106873171647_159091192_nLa rivista della Società Ottica Statunitense ‘Optic Letters’ (OL) – considerata fra le più autorevoli nel settore e specializzata nella diffusione di brevi comunicazioni sottoposte a peer-review sulle novità della ricerca nell’ottica e nella fotonica – ha pubblicato nel suo ultimo numero i risultati ottenuti dal ricercatore dell’Enea, Luca Fiorani, nei lidar per misurare i fumi vulcanici. L’articolo “Volcanic CO2 detection with a DFM/OPA-based lidar”, a firma di Fiorani con Simone Santoro, Stefano Parracino, Marcello Nuvoli, Carmine Minopoli e Alessandro Aiuppa, descrive l’utilizzo dei radar laser nella misurazione dell’anidride carbonica presente nei fumi dei crateri vulcanici. È ormai assodato – si legge nella newsletter Eneainforma – che l’eruzione di un vulcano è preceduta dall’aumento di anidride carbonica; tuttavia, misurare i gas vulcanici in prossimità del cratere è difficile e pericoloso. Per affinare i loro modelli di previsione delle eruzioni, sperando in futuro di poter allertare la popolazione in caso di pericolo, i vulcanologi si sono rivolti al Laboratorio Diagnostiche e Metrologia del Centro Ricerche Enea di Frascati, chiedendo di sviluppare un radar laser capace di misurare rapidamente e a distanza il biossido di carbonio nei pennacchi vulcanici. “Si tratta di una sfida scientifica e tecnologica estremamente impegnativa per l’ambiente ostile in cui il sistema opera, per l’evoluzione rapida e continua del bersaglio e, soprattutto – spiega Fiorani – per la difficoltà di generare quasi simultaneamente due lunghezze d’onda con ‘riga’ di emissione strettissima in modo accurato e ripetibile”. Recentemente il lidar Enea Billi (acronimo di BrIdge voLcanic Lidar) ha funzionato in maniera continuativa per una settimana, fornendo le sue prime misure in ambiente vulcanico, presso la solfatara di Pozzuoli, dove la fuoriuscita di gas è stata per la prima volta scansionata orizzontalmente e verticalmente.