Giappone, ecco Nagoro: l’inquietante villaggio di spaventapasseri [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Tsukimi Ayano ha creato il primo spaventapasseri 13 anni fa per spaventare gli uccelli che si cibavano delle sementi nel suo giardino

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

Nelle foto a corredo dell’articolo Nagoro, sull’isola di Shikoku, Giappone. I fantocci popolano le strade, aspettano l’autobus alla fermata, stanno seduti fuori dai negozi a guardare la gente passare.

Tsukimi Ayano ha creato il primo spaventapasseri 13 anni fa per spaventare gli uccelli che si cibavano delle sementi nel suo giardino. Il “manichino” assomigliava a suo  padre, così ha pensato di continuare a farne altri, per sostituire chi se n’è andato per un motivo o per un altro, con delle strane bambole a grandezza naturale. Oggi, nel piccolo villaggio di Nagoro si trovano facilmente e ovunque spaventapasseri, che stanno prendendo il sopravvento sulla popolazione poco numerosa.